Finge un malore per violentare una 95enne: giovane arrestato

L’anziana si è svegliata di soprassalto alle 5 del mattino perché un giovane stava bussando insistentemente alla porta. Non poteva immaginare che l’avrebbe poi stuprata. 

Filma bambini

Simulando un malore si è intrufolato nell’abitazione di una 95enne a Grottaglie (Taranto) e l’ha violentata. Per questo gravissimo episodio, risalente a una settimana fa, un pregiudicato di 33 anni è stato oggi arrestato dagli agenti del Commissariato locale: deve rispondere dell’accusa di violenza sessuale e violenza privata.

Secondo quanto emerso dalle indagini, il 33enne si è allontanato dall’appartamento dell’anziana solo dopo l’arrivo di una vicina di casa, che aveva sentito le urla disperate della poveretta. E’ stata poi la stessa 95enne ad allertare i poliziotti, chiamando il 113 e riferendo dell’accaduto: si era svegliata di soprassalto alle 5 del mattino perché qualcuno stava bussando insistentemente alla sua porta, e pensava fosse suo figlio.

Leggi anche –> Stupratore seriale segue la sua vittima nel market, poi la violenta e uccide nel parco

Leggi anche –> Molestie | entra in casa di una sconosciuta e la violenta tutta la notte

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

stupro di gruppo

Il giovane stupratore e l’anziana che lo aveva accolto in casa

Quando l’anziana, appoggiandosi al suo deambulatore, si è alzata dal letto per andare ad aprire, si è trovata davanti un giovane sconosciuto in jeans e maglietta bianca che, fingendo di sentirsi male, le ha chiesto un bicchiere d’acqua. Poi le ha dato una spinta a tradimento facendola cadere per terra e, tolti i vestiti, ha compiuto atti di violenza sessuale, tenendola zitta a suon di botte. Solo dopo essere stato sorpreso dalla vicina si è rivestito e nel giro di pichi attimi è fuggito.

Gli agenti di Polizia sono fortunatamente riusciti a identificare lo stupratore anche grazie ai filmati di videosorveglianza della zona. E poche ore fa il 33enne si è visto notificare un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Taranto su richiesta della Procura.

EDS

Pedofilo