Riforma Partite Iva 2021: come funziona e cosa cambia

Come funziona la Riforma delle Partite Iva prevista nel 2021 e cosa cambia rispetto a oggi per milioni di lavoratori autonomi.

Coronavirus partite Iva
Coronavirus partite Iva come agire FOTO viagginews

Il Ministero dell’Economia e Agenzia delle Entrate avrebbe messo in piedi una grande riforma che riguarderà lavoratori autonomi e Partite Iva. L’annuncio arriva dal sottosegretario Laura Castelli: “Ci abbiamo lavorato per qualche mese e ora siamo pronti a dire addio all’attuale sistema di acconti e saldi”.

Leggi anche –> Partite Iva, parla il ministro Bonetti: “Assegno universale a tutti”

Il nuovo sistema dovrebbe sostituire quello attuale definito “ormai obsoleto” con uno più semplice ed immediato ed entrare in vigore il prossimo 1 gennaio 2021. L’attuale sistema di acconti e saldi genererebbe “confusione e burocrazia inutile”.

Leggi anche –> Coronavirus, i commercialisti contro il governo: ecco la “minaccia”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Novità riforma Partite Iva 2021

La riforma in programma riguarda 4 milioni di contribuenti tra autonomi, professionisti e partite Iva i quali, sottolinea la Castelli, “ogni anno vivono con preoccupazione il periodo delle scadenze”. Si passerà dunque presto a un nuovo sistema di pagamento basato sugli incassi e le spese effettive. Con la riforma, in sostanza, “si pagheranno le tasse solo su quanto già effettivamente guadagnato”.

Il progetto dunque non permetterà solo di abbassare le tasse che attualmente si pagano, ma dovrebbe rendere “il fisco più semplice e più vicino al cittadino, perché il miglioramento della qualità della vita passa anche attraverso queste importanti misure”. Insomma, il pagamento delle tasse dovrebbe avvenire “in tempo reale”. Non si conosce nel dettaglio il progetto di riforma delle partite Iva.

Ci siamo, come Ministero dell’Economia e Agenzia delle Entrate ci abbiamo lavorato per qualche mese e ora siamo pronti a…

Pubblicato da Laura Castelli su Mercoledì 22 luglio 2020

bonus 600 euro sospeso