Bruno Lauzi, chi è il figlio Maurizio Lauzi: età, foto, carriera

Maurizio Lauzi ha seguito le orme del papà Bruno, diventando un raffinato cantautore. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Maurizio Lauzi, figlio d’arte del grande e indimenticabile Bruno, è un apprezzato cantautore italiano che negli anni ha sviluppato una vena artistica tutta sua, con all’attivo brani raffinati e di grande successo. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Chi è Bruno Lauzi: vita e carriera del celebre cantautore 

Leggi anche –> Bruno Lauzi, chi era la moglie Giovanna Coprani: vita e carriera 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Maurizio Lauzi

Maurizio Lauzi è nato a Varese l’11 novembre 1969. Appassionato di musica fin da piccolo, ha intrapreso la carriera discografica nel 1983 con l’incisione del brano Stelle azzurre, sigla di Calcio Serie A, trasmissione delle sintesi del campionato di calcio (brano poi divenuto un 45 giri inciso per la Fonit Cetra). Nel 1986 ha debuttato dal vivo affiancando il padre Bruno a Sestri Levante e presentando due canzoni, Sogni d’oro e In due. La sua carriera è proseguita come solista del gruppo Viva, che incideva per la Virgin Records e nel 1989 partecipò, in qualità di vincitore per l’Italia di un concorso della Yamaha Music Foundation, alla finale di Tokyo, aggiudicandosi un riconoscimento speciale della critica.

Maurizio Lauzi ha conquistato una certa notorietà a livello nazionale nella seconda metà degli anni ’90, grazie a due partecipazioni da solista al Festival di Sanremo, nel 1996 con Un po’ di tempo (che dà anche il titolo al suo primo album prodotto dalla Sony) e nel 1997 con Il capo dei giocattoli, che gli è valso il Premio Lunezia Nuove Stelle come miglior testo, nonostante il mancato apprezzamento da parte delle giurie popolari. Nel frattempo, nel 1995 aveva partecipato al Festival come corista dell’orchestra Rai (sua la voce nel rap della sigla Perché Sanremo è Sanremo). Negli anni successivi Maurizio Lauzi si è dedicato soprattutto alle esibizioni dal vivo, cantando e suonando pianoforte e tastiera.

EDS