Donna muore da sola 11 anni dopo essere rimasta paralizzata in un incendio

Irina, donna russa di 44 anni e mamma di due figli, è morta in casa da sola 11 anni dopo aver riportato danni permanenti in un terrificante incendio.

Il dramma di Irina Perkaskaya è cominciato nel 2009. All’epoca era una giovane madre che cercava di dedicare un po’ di tempo anche a sé stessa e al rapporto con il marito. Una sera la coppia si era recata alla popolare e affollata discoteca Khromaya Loshad di Perm, in Russia. Come sempre quella sera c’era il pienone e la serata era stata organizzata per offrire alle persone presenti uno spettacolo.

Leggi anche ->Naya Rivera | il tenero momento col figlio prima della tragedia | FOTO

Ad un tratto sul palco sono stati accesi anche dei fuochi pirotecnici, le scintille hanno generato un incendio che è partito dal tetto della struttura ed ha letteralmente distrutto il locale. Quella notte ci sono stati molti morti e feriti: alcuni sono stati uccisi dalle fiamme, altri dalle persone che cercavano di scappare e mettersi in salvo. Quella della discoteca di Perm è considerata la più grande tragedia avvenuta nella Russia post sovietica. Irina è stata una delle vittime e 11 anni dopo si aggiunge alle 156 persone morte quella sera.

Leggi anche ->Incendio Perugia: il divano prende fuoco, donna trovata morta in casa

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Donna muore 11 anni dopo essere rimasta paralizzata in un drammatico incendio

Sebbene fosse sopravvissuta all’incendio, le condizioni di Irina erano gravi: la donna presentava ustioni sul 60% del corpo, una frattura alla mascella e la paralisi degli arti inferiori. I danni riportati erano così gravi che la famiglia è stata costretta a pagarle delle cure in una clinica specializzata in Germania. Dopo diversi anni di cure, i familiari si sono trovati nell’impossibilità di affrontare le spese e la donna è tornata in Russia.

Il marito, scampato all’incendio perché si trovava fuori dal locale a fumare una sigaretta, ha cercato invano per anni di trovare fondi per curarla. Quest’anno, a causa delle restrizioni per il Coronavirus, Irina è rimasta da sola in casa con il marito ed i figli. Le sue condizioni di salute sono peggiorate ulteriormente ed alla fine è morta. Parlando del dramma della figlia, la madre ha dichiarato: “Irina ha provato esclusivamente dolore per 11 anni. Voglio ricordarla com’era quando era ancora in vita”. L’anziana madre ha poi spiegato che a causa delle restrizioni lei ed il padre non sono potuti starle accanto.