Coronavirus, conferma dell’Oms: “Prove sulla trasmissione aerea del virus”

Sollecitata da una lettera di 239 scienziati, l’Oms ha aperto alla possibilità che il Coronavirus possa essere trasmesso anche per via aerea.

I dati condivisi ieri dalla Protezione Civile riguardo alla situazione italiana fanno ben sperare. Il numero di nuovi casi positivi, infatti, è sceso a 138 ed in sette regioni il numero è addirittura zero. Ieri, purtroppo, sono morte altre 30 persone, ma il dato conferma che per il momento l’andamento della pandemia è sotto controllo.

Leggi anche ->Coronavirus Brasile: il presidente Bolsonaro positivo al tampone

Come dimostrato dal caso emerso alla fine della scorsa settimana in Veneto, il pericolo maggiore di nuovi focolai arriva dall’estero e dai comportamenti sconsiderati dei cittadini. Allo stato attuale non è possibile abbassare la guardia poiché il virus circola ancora e basta poco per creare una nuova situazione da tenere sotto controllo. Secondo l’ultima ammissione fatta dall’Oms, inoltre, il distanziamento e l’utilizzo della mascherina risultano ancora un’ottima arma per contrastare la diffusione del Covid.

Leggi anche ->Coronavirus, l’infettivologo Ippolito: “Indossate le mascherine, il virus circola”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, l’Oms: “La trasmissione avviene anche per via aerea”

Nei giorni scorsi, in una lettera firmata da 239 scienziati, si chiedeva all’Oms di rispondere alla possibilità che il Coronavirus si diffondesse anche per via aerea. La risposta dell’organizzazione è giunta ieri ed è un’ammissione. Intervistata a riguardo, infatti, Benedetta Allegranzi, responsabile tecnico dell’Oms, ha detto: “Riconosciamo che ci sono prove emergenti in questo campo, come in tutti gli altri campi riguardanti il Covid-19“. Per le conoscenze attuali, dunque, non è possibile affermarlo con certezza, tuttavia non è possibile escludere a priori l’ipotesi: “Quindi crediamo che dobbiamo essere aperti a questa ipotesi e comprendere le sue implicazioni riguardo alle modalità di trasmissione e anche riguardo le precauzioni da prendere”.