Home Dove, come e quando Bonus vacanze strutture aderenti: l’elenco di hotel e B&B

Bonus vacanze strutture aderenti: l’elenco di hotel e B&B

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:27
CONDIVIDI

Il Bonus vacanze è attivo dal 1 luglio: dove si può spendere, l’elenco delle strutture aderenti, come funziona

bonus vacanze 2020
Le strutture che accettano il bonus vacanze

Dal 1 luglio tramite l’app IO è possibile richiedere il bonus vacanze 2020, la misura di sostegno al turismo lanciata nel Decreto Rilancio. Questo bonus consente un risparmio fino a 500 euro per una famiglia di 3 o più persone sul soggiorno presso una struttura ricettiva in Italia. Migliaia gli italiani che hanno già richiesto il bonus vacanze (qui i requisiti e la procedura per richiederlo online) e moltissimi quelli che lo hanno già utilizzato. Ma una volta appurati di avere i requisiti e seguito la procedura online bisogna trovare quali sono le strutture aderenti. Già perché non tutti gli hotel accettano il buono vacanze. Prima di partire dunque è ben informarsi e conoscere l’elenco delle strutture che aderiscono al bonus vacanze.

Volete conoscere le strutture che accettano il Bonus Vacanze 2020 in Salento? –> Strutture che accettano il Bonus Vacanze 2020 in Puglia e in Salento

Le strutture dove si può spendere il bonus vacanze

Il bonus vacanze è spendibile in tutta Italia, ma solo nelle strutture aderenti. Devono essere strutture regolamentate: alberghi, resort, residence, pensioni, agriturismi, hotel, villaggi turistici, campeggi, rifugi di montagna, ostelli della gioventù, colonie, bungalow, B&B e case vacanze. Attenzione però ai B&B e alle case vacanze: queste devono essere gestite da titolari che hanno tutte le regolamentazioni amministrative e non da chi svolge quest’attività in maniera occasionale. Ciò significa che se affittate un appartamento al mare da un privato non potete spendere il bonus vacanza. Se invece l’appartamento è gestito da un’azienda turistica allora sì. Ciò perché, oltre ad aiutare gli italiani ad andare in vacanza e far partire un circolo economico virtuoso, il bonus serve ad aiutare le imprese turistiche in difficoltà per la pandemia.

Esclusi dal bonus vacanze anche gli acquisti di soggiorni effettuati tramite portali internet come Booking.com, Hotels.com, Expedia.com e Airbnb.
Per gli acquisti fatti tramite agenzia di viaggio quest’ultima deve emettere la fattura per conto dell’hotel e solo allora è possibile usufruire del bonus vacanza.

Bonus vacanza, le regole: anche per l’ombrellone, ma con pernotto

Il bonus vacanza è spendibile presso una sola struttura e in un’unica soluzione. Non si può quindi diluire in più mini vacanze. Una sola vacanza a nucleo familiare. E’ bene sapere che per poter usufruire del bonus vacanza non bisogna corrispondere un minimo di spesa. Se il conto per una famiglia di 3 persone in un hotel è di 400 euro, lo sconto è di 320 euro e 80 euro da corrispondere che saranno poi restituiti come credito d’imposta. L”Agenzia delle Entrate ha specificato che qualora soggiornaste in un hotel che non accetta il bonus vacanze potrete comunque usufruire del credito d’imposta del 20% del totale.

Nell’ultima circolare l’agenzia delle Entrate inoltre ha spiegato che il bonus è spendibile anche per i servizi spiaggia, ovvero il nolo di ombrellone e lettino, ma solo se si pernotta almeno una notte, se l’albergo dispone di servizio spiaggia e se questo va in fattura.

Bonus Vacanze le strutture aderenti: l’elenco degli hotel che accettano il buono

Una volta scaricato il bonus tramite l’app non resta che fare le valigie e partire. Ma per dove? Come abbiamo detto non tutte le strutture ricettive accettano il bonus vacanze. Per scegliere dunque un hotel o un villaggio che lo accetti si può consultare l’elenco creato da Federalberghi. Andando sul sito italyhotels.it inserendo destinazione e periodo e aggiungendo il filtro ‘bonus vacanza’ – lo trovate sulla colonna di sinistra negli elenchi ‘tipo struttura’ o ‘servizi’ –  trovate gli hotel, le case vacanze, i villaggi o i campeggi che accettano il buono.

Se trovate pochi hotel che accettano il buono, il consiglio è quello di inserire come destinazione la regione più che la località precisa e di essere dunque un po’ flessibili. Finora stando ad un’indagine del Corriere della Sera solo 4 hotel su 100 accettano il bonus vacanza. La regione dove trovate più disponibilità è l’Emilia Romagna con 230 strutture aderenti, poi la Toscana con più di 120, la Sicilia, il Lazio e la Liguria con circa 60 e la Sardegna con 35 strutture sparse in tutta la regione.

Cercando una struttura in Toscana per il weekend del 20 luglio sulle oltre 2mila presenti sul sito solo 125 accettano il buono. In Sardegna sono 735 le strutture presenti sul sito e solo 35 aderiscono al bonus vacanza in quel periodo. Nel Lazio su 1670 strutture ricettive disponibili in quel fine settimana solo 58 accettano il bonus.

Il bonus vacanze oltre che negli hotel può essere usato per soggiornare anche in B&B, campeggi e agriturismi. Per conoscere quali sono le strutture aderenti oltre al sito di Federalberghi potete andare sul sito ufficiale dei B&B in Italia dove trovate, suddiviso per regioni, l’elenco completo dei Bed&Breakfast che accettano il bonus vacanze 2020.

In ogni caso il miglior consiglio è quello di contattare direttamente la struttura dove si vuole soggiornare per avere conferma dell’effettiva disponibilità ad accettare il bonus vacanza.

bonus vacanze
Come funziona il bonus vacanze 2020
CONDIVIDI
Articolo precedenteBandiere Blu 2020 dei laghi: le località premiate in Italia
Articolo successivoAlessia Marcuzzi, l’addio su Instagram: “Mi hai fatto piangere…” – FOTO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.