Home News Ustioni, scottature e bruciature: come riconoscerle e cosa fare

Ustioni, scottature e bruciature: come riconoscerle e cosa fare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:34
CONDIVIDI

Ustioni, scottature e bruciature: ecco come riconoscerle, cosa fare per curare le meno gravi e quando è necessario l’intervento di un medico.

Ustione, scottatura e bruciatura sono tutti termini utilizzati per indicare i danni alla pelle causati dall’eccessivo calore. Si parla di “ustione” quando il danno è provocato da calore secco (per esempio il fuoco), mentre quando la fonte di calore è umida (acqua calda, vapore) si parla di “scottatura”. I sintomi evidenti di un qualsiasi tipo di ustione sono l’arrossamento e/o la spellatura della pelle, la comparsa di vescicole, gonfiore, e pelle bianca o carbonizzata. Le ustioni di primo grado sono quelle meno gravi, e possono risolversi anche autonomamente in tempi brevi; le ustioni più gravi, invece, richiedono attenzione medica.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Meteo, caldo record, poi crollo di 10 gradi e temporali

Quattro tipi di ustioni: sintomi e conseguenze

Esistono quattro diversi tipi di ustioni, differenziati a seconda dell’aspetto, dei sintomi e dell’assistenza richiesta per la guarigione.

  1. Le ustioni di primo grado sono le ustioni epidermiche superficiali. Il danno riguarda l’epidermide, il primo strato della pelle: i sintomi sono pelle rossa, leggermente gonfia e dolorosa, ma senza vescicole o bolle.
  2. Le ustioni di secondo grado sono le ustioni dermiche profonde, o di spessore parziale. Il danno in questo caso riguarda epidermide e derma: la pelle appare rossa e maculata, asciutta o umida, gonfia e bollosa. Spesso questo tipo di ustioni non sono particolarmente dolorose.
  3. Le ustioni di terzo grado sono le ustioni a tutto spessore, in cui vengono danneggiati tutti e tre gli strati della pelle: epidermide, derma e sottocute. La pelle si mostra molto consumata dalla bruciatura: può apparire pallida o annerita nello strato più basso, mentre per il resto è spesso secca e bianca, marrone o nera senza vescicole.
  4. Le ustioni di quarto grado sono quelle che causano lesioni anche ai muscoli e/o alle ossa.

A seconda della gravità, l’ustione può o meno essere trattata in autonomia. In caso di bruciature lievi di primo grado è sufficiente mantenere l’area bruciata pulita, evitando di far scoppiare le eventuali vescicole. Per le scottature più gravi, invece, è assolutamente necessario l’intervento di un medico.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Meteo, quando arriva il super caldo dell’estate 2020

Come trattare una scottatura solare

Le scottature solari sono le più frequenti, sopratutto in estate. In caso di scottature solari poco gravi, può essere utile seguire i seguenti consigli per sentirsi meglio: spostarsi al più preso all’ombra o (preferibilmente) in ambienti chiusi e freschi; fare un bagno o una doccia fredda per raffreddare l’area bruciata; applicare una crema doposole sull’area interessata (è importante non usare prodotti grassi o oleosi); bere molta acqua per mantenersi idratati; sorvegliare l’insorgenza di altri sintomi, quali febbre, nausea, spossatezza, ed eventualmente contattare un medico e l’intervento tempestivo del 118.

[Fonte: Farmaco e Cura]