Marco Vannini, l’audio mai sentito prima: “Mi fa male, ti prego basta”

0
2

Novità importanti per quanto riguarda il caso di Marco Vannini, il ragazzo di Ladispoli durante la notte del 17 maggio 2005: ecco l’audio esclusivo

omicidio Vannini

Durante la puntata di ieri, venerdì 26 giugno 2020, è stato fatto ascoltare per la prima volta un audio lavorato dalla società “Emme team“, un gruppo di esperti italiani e statunitensi che ha ripulito l’audio della telefonata di Antonio Ciontoli al 118 mettendo in luce le frasi di Marco Vannini: “Ti prego basta, mi fa male, portami il telefono“, queste le parole pronunciate da Marco Vannini, il ragazzo di Ladispoli morto durante la notte del 17 maggio 2005.

LEGGI ANCHE –> Caso Marco Vannini, spunta una frase di Federico Ciontoli mai messa agli atti

LEGGI ANCHE –> Omicidio di Marco Vannini, prostitute coinvolte con Antonio Ciontoli?

Marco Vannini, le novità sull’audio

Così durante la registrazione si sentono le lamentele e le invocazioni di Marco che così invoca aiuto alla sua ragazza Martina Ciontoli: “Dov’è il telefono, portamelo, portami il telefono mi fa male, mi fa male il braccio”. La ragazza cercava di calmarlo: “Basta, basta”. A partire dall’otto luglio inizierà il processo d’appello per la famiglia Ciontoli. Cinque mesi fa la Cassazione ha accolto la richiesta della Procura Generale per ritornarlo, ma la telefonata potrebbe cambiare gli scenari.

Marco Vannini