Napoli Inter Highlights: tabellino e commento della partita

Ecco com’è andata la seconda semifinale di Coppa Italia tra Napoli e Inter: highilights, tabellino e commento della partita.

Napoli e Inter oggi erano chiamate a rispondere ad una Juventus opaca ma che è riuscita ad ottenere il passaggio del turno con il minimo sforzo. Prima dell’incontro c’era grande curiosità di sapere quale fosse lo stato di forma delle due compagini, in particolare dell’Inter, unica squadra insieme alla Lazio di Simone Inzaghi che ha ancora qualche chance di interrompere il dominio bianconero in campionato. Prima però c’è stato il minuto di silenzio per le vittime del Coronavirus ed un toccante momento in cui Gattuso ha mandato un bacio alla sorella in cielo.

Leggi anche ->Napoli-Inter, il gesto di Gattuso per la sorella durante il minuto di silenzio

CLICCA QUI per vedere le immagini della partita finita con la vittoria del Napoli

Primo tempo

Le due compagini partono subito forte ed il Napoli si fa vedere dalle parti di Handanovic con un bel cambio campo in favore di Insigne che guadagna un calcio d’angolo. I partenopei non sfruttano l’occasione e sul ribaltamento di fronte l’Inter si porta in vantaggio: i nerazzurri guadagnano un corner che Eriksen tramuta in gol direttamente dalla bandierina. Il tiro teso e ad effetto del danese viene leggermente deviato, beffando Ospina che non è reattivo.

Gattuso incita i suoi ed il Napoli ha una reazione d’orgoglio che però non porta a reali pericoli. Gli avversari sono decisamente più incisivi e trovano spesso spazio sulla destra dove Candreva è una spina nel fianco ed al 16′ minuto si rende pericoloso con un tiro che esce di poco a lato. Al 32′ è ancora l’Inter che si rende pericolosa con un colpo di testa di Lukaku neutralizzato da Ospina. L’incontro è tutt’altro che a senso unico e sulla destra il Napoli mette in difficoltà Ashley Young con le ripartenze micidiali di Mertens, l’inglese si fa ammonire e al 35′ minuto rischia il rosso.

La difficoltà del terzino è il preludio al pareggio del Napoli che arriva al 41′: Ospina lancia direttamente Insigne sulla sinistra che come un fulmine copre tutto il campo, elude il ritorno di Eriksen e serve Mertens che stava arrivando a rimorchio; il belga non manca il bersaglio. Per l’attaccante si tratta del gol numero 122 con la maglia del Napoli, Mertens è diventato il miglior marcatore della storia della squadra.

Secondo tempo

Dopo un primo tempo giocato sempre al massimo della velocità, il secondo comincia con una fase di studio tra le due squadre. Nessuno vuole sbilanciarsi e favorire il vantaggio dell’avversario. Con il passare dei minuti prende il controllo del gioco il Napoli che si rende pericoloso al 54′: Insigne viene pescato in area, palleggia, si sistema il pallone e prova ad incrociare, ma senza successo. In questa fase i partenopei riescono ad infilarsi negli spazi lasciati dall’Inter e danno l’impressione di poter colpire in qualsiasi momento, ma non riescono a concretizzare il buon lavoro del centrocampo.

Al 65′ comincia la girandola dei cambi: Gattuso mette in campo Callejon e Fabian Ruiz. Cinque minuti più tardi Conte risponde con un triplice cambio: entrano Sanchez, Biraghi e Moses, il cileno può dare una stoccata, mentre i due terzini proveranno a contrastare il predominio del Napoli sulle fasce. Al 74′ uno sfinito Mertens lascia il posto a Milik. Un minuto dopo è proprio Sanchez che si rende pericoloso sfiorando il gol dopo un dribbling secco in area. Con i cambi l’Inter è più incisiva e all’81’ Moses pesca nuovamente Sanchez in area: il cileno calcia al volo e mette fuori. L’inter prova l’assalto finale e si riversa nell’area del Napoli ma non riesce a segnare il gol qualificazione. Passa il Napoli.

Tabellino di Napoli Inter

NAPOLI-INTER 1-1
3′ Eriksen (I), 41′ Mertens (N)

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj; Zielinski, Demme, Elmas; Politano, Mertens, Insigne. All. Gattuso

INTER (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Candreva, Barella, Brozovic, Young; Eriksen; Lukaku, Lautaro. All. Conte

Ammoniti: Young (I), de Vrij (I)