Ashley Stock, terribile lutto per l’influencer: la figlia muore a 3 anni

L’influencer Ashley Stock ha il cuore spezzato: sua figlia è morta a soli 3 anni per una rara forma di tumore al cervello.   

Un drammatico evento ha stravolto la vita di Ashley Stock. La nota influencer britannica ha perso l’adorata figlia Steve, morta a soli tre anni per una rara forma di tumore al cervello. La tragica notizia arriva a soli sei settimane dalla scoperta del tumore.

Leggi anche –> Bambino morto | cancro al cervello lo uccide a soli 3 anni | FOTO

Leggi anche –> Cancro al cervello | muore in 4 mesi e lascia da solo il suo gemello

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

La tragedia che ha colpito Ashley Stock

A “Stevie”, come veniva affettuosamente chiamata la figlia di Ashley Stock, era stata diagnosticata lo scorso aprile una rara forma di cancro con un tasso di sopravvivenza dello 0%, e una speranza di vita media di 9 mesi dopo la diagnosi. La piccola è morta pochi giorni dopo il suo terzo compleanno. Ashley, 35 anni e madre di altri due figli, l’aveva portata in ospedale dopo aver notato un “rapido declino delle sue funzioni motorie”. E’ stata poi lei stessa a condividere la tragica notizia con i fan sui social media, lo scorso venerdì, rivelando che era presente quando Stevie è spirata.

Nel post di Ashley sui social si legge: “Stevie Lynn Stock. 3 anni. Piantatrice di semi. Creatore di miracoli. Datore di luce. Guaritore del cuore. Sorriso dagli occhi azzurri, con le fossette, bambina riccia dai capelli ricci per sempre. Sorellina adorata, figlia e amica. Alle 13:05 del 27 maggio, Stevie ha tirato il suo ultimo respiro tra le nostre braccia. Ci sono stati molti miracoli e innumerevoli momenti di grazie che racconterò a parole quando il mio cuore le avrà la forza. Per ora, sono sopraffatta dal sollievo che sia in pace, ma mi sento anche schiacciata da un dolore così intenso che non riesco a esprimerlo a parole. Lo lascio uscire un po’ alla volta”. “Per ora – ha concluso – continueremo un giorno alla volta sorretti dalla grazia di Dio, dal sostegno dei nostri cari e dalle preghiere di estranei che si sono dimostrati nostri amici”.

EDS