Massimo Ciccozzi, l’epidemiologo in prima linea contro il Coronavirus

L’epidemiologo Massimo Ciccozzi in prima linea contro il Coronavirus: i suoi interventi di questa settimana per spiegare cosa accade.

(screenshot video)

Responsabile unità di ricerca in statistica medica ed Epidemiologia molecolare dell’Università Campus biomedico di Roma, Massimo Ciccozzi fino al 2019 è stato autore di più di 270 pubblicazioni internazionali. Si tratta di uno dei più noti esperti di epidemiologia in Italia.

Leggi anche –> Michael Marmot, chi è l’epidemiologo di fama mondiale

La sua equipe ha scoperto la mutazione del Coronavirus che ha permesso di aggredire l’uomo: nello studio vengono messe sotto esame le sequenze genetiche che hanno condotto al salto di specie, avvenuto tra il 20 ed il 25 novembre 2019.

Leggi anche –> Coronavirus, equipe italiana scopre la mutazione che ha permesso di aggredire l’uomo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’epidemiologo Massimo Ciccozzi e la lotta al Coronavirus

Nel corso di una recente audizione al Senato, ha spiegato: “Il virus sta perdendo potenza prima di tutto per effetto del lockdown, e poi, forse, perchè muta. Si tratta di mutazioni transitorie, che durano qualche settimana per poi magari sparire, e che non gli servono. Ma si tratta di mutazioni su cui l’evoluzione può agire, rendendo il virus meno contagioso”. Ha quindi chiarito che quella sua ipotesi andava dimostrata.

Al momento, il dato sulla perdita di forza del Coronavirus sembra dargli ragione. Su che tipo di estate ci aspetta, ha invece spiegato: “Non ci sono evidenze scientifiche di presenza del virus nell’acqua di mare, che peraltro ha una certa salinità che sicuramente gli darà fastidio rispetto all’acqua reflua. Al mare direi che ci si può andare se manteniamo le distanze e tutte le regole”.