Nonna morta da 15 anni: la nasconde nel freezer e percepisce la pensione

Una donna ha nascosto il corpo di sua nonna in un freezer per 15 anni, continuando a percepire la pensione della defunta.

Non è il titolo di una simpatica commedia italiana con Fabio De Luigi e Miriam Leone, ma si tratta di un fatto di cronaca che è accaduto veramente. Una donna ha nascosto il corpo di sua nonna Ardmore in un congelatore per 15 anni.

Leggi anche –> Incidente in motocicletta, al bambino di 9 anni viene amputata la gamba: il suo sogno era fare il ballerino

Nel frattempo, la donna continuava a percepire la pensione della defunta. Cynthia Carolyn Black non ha mai denunciato la morte di sua nonna. Invece, dice la polizia, ha nascosto il corpo appunto nel freezer per 15 lunghi anni.

Leggi anche –> Padre uccide figlio | “Non voleva dormire” | aveva solo 4 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nasconde la nonna morta in freezer: scoperta choc

Così ha continuato a incassare il corrispondente di circa 1.500 euro mensili, che fanno qualcosa come oltre 200mila euro nel periodo in cui ha percepito ingiustamente la pensione della congiunta defunta. La scoperta è stata fatta a York Haven nella Contea di York. Ma a quanto pare anche quel piano sfacciato non era abbastanza per risolvere i problemi finanziari della donna, che si è resa protagonista del diabolico piano. Nel 2018, infatti, le è stata addirittura pignorata la casa.

Proprio quel pignoramento e i problemi legali conseguenti hanno posto le basi per la terribile scoperta che avrebbe portato alle accuse penali. Nel febbraio 2019, la casa abbandonata a Dillsburg era di proprietà della società ipotecaria Fannie Mae e due donne andarono a dare un’occhiata alla proprietà, che fu messa in vendita. Esplorando un piccolo edificio vicino alla casa di Kralltown Road, le autorità affermano che le donne hanno anche trovato un congelatore bianco, guardato dentro e visto resti scheletrici umani avvolti in un sacco della spazzatura nero. Secondo la polizia, la morte potrebbe risalire ai primi anni Duemila. Oggi, 15 mesi dopo la macabra scoperta, sono scattate le manette.