Home Eventi Il Colosseo riapre alle visite il 1° giugno

Il Colosseo riapre alle visite il 1° giugno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:37
CONDIVIDI

Il Colosseo riapre alle visite il 1° giugno. Le regole e le informazioni utili per i visitatori.

colosseo riapre visite
Colosseo, Roma (Jacqueline Macou, Pixabay)

Per la gioia di tutti gli appassionati di architettura antica e soprattutto della storia di Roma, sta per riaprire il Colosseo, insieme al suo parco archeologico. La data, inizialmente annunciata per la fine di maggio, è stata annunciata per il 1° giugno. Giusto in tempo per il ponte del 2 giugno, la Festa della Repubblica, che quest’anno è di martedì. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Pompei, il parco archeologico riapre alle visite

Il Colosseo riapre alle visite il 1° giugno

Finalmente dopo i lunghi mesi di chiusura a causa dell’emergenza sanitaria per il Coronavirus e nell’attesa di una riorganizzazione, riaprirà di nuovo alla visite l’anfiteatro Flavio di Roma, meglio noto come il Colosseo. Uno dei monumenti più visitati e amati al mondo e il più visitato di Roma.

La data di riapertura, in un primo momento fissata a fine maggio, è stata spostata di appena qualche giorno, al 1° giugno. Sarà un lunedì, ma giorno di ponte della Festa della Repubblica del 2 giugno. Per molti probabilmente sarà vacanza, con la possibilità di fare un bel giro per Roma e visitare anche il suo magnifico anfiteatro. Una possibilità che ancora, come sappiamo, è concessa solo ai romani e ai residenti nel Lazio. Infatti gli spostamenti tra le regioni d’Italia saranno consentiti solo dal 3 giugno, e non saranno uguali per tutti. La libertà di movimento sul territorio nazionale, infatti, sarà condizionata dalla diffusione dei contagi.

Il Parco archeologico del Colosseo riapre le sue porte al pubblico nel segno dell’accessibilità, dell’accoglienza e soprattutto della sicurezza. Sono previste, infatti, misure di protezione ben precise sia per il personale sia per i visitatori, assicurate da un protocollo sottoscritto di intesa con l’Asl Roma 1 che garantirà anche un presidio medico-sanitario sulla piazza del Colosseo.

Leggi anche –> Musei e mostre: le riaperture della fase 2

Colosseo, Roma (iStock)

Le modalità di visita

Le visite al Colosseo avverranno dunque nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria necessarie per prevenire nuovi contagi da Covid-19. A questo scopo sono stati disposti nuovi percorsi e diverse modalità di accesso e fruizione. Per evitare la coincidenza con gli orari di punta dei mezzi pubblici, cambieranno gli orari di accesso, che ora sono tra le 10.30 e le 19.15 (ultimo ingresso alle ore 18.15).

Per la riapertura del Parco archeologico del Colosseo, non solo dell’anfiteatro ma anche dell’area archeologica del Foro Romano e del Palatino, inclusa nel suo complesso (mentre la Domus Aurea per il momento rimarrà chiusa al pubblico), sono previste due tipologie di biglietto. In primo luogo, il biglietto ordinario di 16 euro valido 24h e per la prima volta un biglietto ridotto, A.R.T. (Afternoon reduced ticket), per coinvolgere i tutti i visitatori e offerto al prezzo di 9,50 euro. Questo biglietto sarà acquistabile online e usufruibile tutti i giorni a partire dalle ore 14.00 e fino alla chiusura del Parco.

Questa agevolazione è rivolta, in primo luogo, ai cittadini romani che potranno frequentare il Parco al termine della giornata lavorativa. I biglietti saranno tutti smaterializzati, ovvero acquistabili online dal sito ufficiale www.parcocolosseo.it e dal sito del concessionario www.coopculture.it (dal 28 maggio), I biglietti saranno collegati ad un’app gratuita che permetterà, già da casa, o al più tardi all’ingresso nell’area archeologica di scaricare le mappe dei percorsi, i contenuti storici e tutte le informazioni utili alla visita in sicurezza.

La prenotazione è obbligatoria, a orario prestabilito, che sarà indicato al momento dell’acquisto del biglietto. I visitatori dovranno indossare obbligatoriamente la mascherina e all’ingresso saranno sottoposti a misurazione della temperatura con termoscanner.

Foro Romano e Colosseo (Pixabay)

Cosa si potrà vedere

In questa prima fase di riapertura l’accesso all’anfiteatro sarà consentito solamente fino allo “Sperone Valadier”, fruibile da singoli o gruppi di massimo 14 persone, adeguatamente distanziati, che entreranno ogni 15 minuti e saranno sempre accompagnati lungo tutto il percorso.

La visita al Colosseo prevede due percorsi:

  1. “Il Colosseo si racconta”, con affaccio ai sotterranei dal I ordine, la salita al II ordine, la visita dell’esposizione permanente, l’affaccio dalla terrazza Valadier sulla piazza del Colosseo (tempo stimato 45 minuti).
  2. “Colosseo-Arena”, lungo il I ordine, in piena accessibilità, fino alla porta Libitinaria e da qui con un accesso emozionale sul piano dell’arena (tempo stimato 40 minuti, percorso ridotto, acquistabile con il biglietto pomeridiano- A.R.T.).

Anche all’area archeologica del Foro Romano e Palatino si accederà con un unico ingresso, lungo via dei Fori Imperiali, in Largo della Salara/Largo Corrado Ricci. In questo caso, però, il pubblico non dovrà prenotare per un orario preciso.

Al Foro Romano e Palatino sono previsti quattro percorsi differenziati:

  1. “La piazza del Foro Romano”, con uscita da via del Foro Romano (tempo stimato 30′).
  2. “Passeggiando sulla via Sacra”, con uscita dall’Arco di Tito (tempo stimato 1 ora e 30′).
  3. “Dal Foro Romano ai palazzi imperiali”, con uscita da via di S. Gregorio (tempo stimato 2 ore).
  4. “Alle origini di Roma”, percorso lungo le pendici meridionali del Palatino, con uscita da via di S. Gregorio (tempo stimato 2 ore e 30′).

Per ulteriori informazioni: parcocolosseo.it

Leggi anche –> I beni del Fai riaprono in tutta Italia | VIDEO

Colosseo, Roma