Influencer arrestata a causa dei video sui social: “Viola valori famiglia”

L’influencer Mawada Eladhm è stata arrestata in Egitto a causa dei video che posta su Tik Tok. L’accusa è stata violazione dei valori della famiglia.

Nel 2018 Mawada Eladhm, adolescente egiziana, ha aperto un account su Tik Tok ed ha cominciato a raccogliere consensi. I suoi video sono principalmente “lip sync” e balletti su basi musicali. Insomma nulla di diverso da quanto fanno milioni di ragazze in tutto il resto del mondo. La ragazza non utilizza nemmeno abbigliamento discinto o frasi e atteggiamenti volgari. Ciò nonostante da qualche tempo a questa parte è finita nel mirino della censura governativa.

Leggi anche ->Tik Tok, mamma prova il ‘Oh na, na, na Challenge’ e finisce in ospedale

Da qualche mese a questa parte il governo egiziano ha infatti messo delle regole maggiormente restrittive per i video sui social. Tali restrizioni colpiscono soprattutto le ragazze, come dimostra il fatto che nelle ultime settimane ben due giovani influencer sono state arrestate per i contenuti postati sui social. Per entrambe è stata richiesta una condanna a 15 giorni di carcere.

Leggi anche ->Salt Challenge: l’ultima moda nata su Tik Tok è pericolosa per gli adolescenti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Influencer arrestata a causa dei video social

La terza giovane finita nel mirino della censura è stata proprio Mawafa Eladhm. La ragazza ha cercato di sfuggire all’arresto scappando ad El Cairo, ma la polizia l’ha rintracciata e portata in centrale. L’influencer è rimasta in carcere per 4 giorni, quindi è stata liberata quando è stata pagata una cauzione di 20 mila euro circa. L’accusa nei suoi confronti è stata la creazione di siti e contenuti che violano i valori della famiglia.

La storia della giovane sta facendo il giro del mondo e generando indignazione. Al momento Mawafa vanta un seguito su ‘Tik Tok’ di 3.8 milioni di follower, mentre su Instagram di “soli” 1.6 milioni. Al momento, nonostante l’arresto i suoi profili social non sono stati chiusi. Non sappiamo, però, se sono stati oscurati in patria.