Home News Bambino in coma | madre ricorre contro il padre e fa ricusare...

Bambino in coma | madre ricorre contro il padre e fa ricusare il giudice

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:46
CONDIVIDI

“È disabile per colpa sua”, una donna accusa il giudice che ha dato l’affidamento del suo bambino in coma al padre. La situazione fa discutere.

bambino in coma
Una donna ricorre contro affidamento del suo bambino in coma Foto dal web

Sta facendo discutere la vicenda di un bambino in coma sul cui affidamento sono in lotta tra loro la mamma ed il papà. I due sono separati ma nessuno dei due vuole rinunciare alla piena tutela del loro figlio. Il tribunale, in questa brutta disputa, ha dato ragione all’uomo.

LEGGI ANCHE –> Ylenia Carrisi uccisa da un serial killer, la pista seguita per anni dalla polizia

Ma la madre ha sporto un ricorso motivato dal fatto che il suo ex coniuge sia totalmente inadeguato per curarsi del piccolo. Difatti il bambino è semiparalizzato e cieco, situazione di disabilità emersa durante il periodo in cui era l’uomo ad occuparsene. Ed alla luce di ciò, un giudice del Tribunale di Monza si è espresso ora in favore della donna. L’età del bimbo è di 5 anni. L’avvocato della donna ha parlato di gravi inadempienze messe in atto dal papà del bambino in coma proprio per l’incuria del padre. “Il precedente giudice aveva preso la sua decisione in maniera superficiale e senza considerare la pure evidente trascuratezza messa in atto dall’ex marito della mia assistita. Questa persona era del tutto inadeguata a svolgere un compito di tale responsabilità. La salute del bambino è stata messa a repentaglio”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Bambina di 3 anni minacciata con un coltello da cucina: la Polizia ferma l’aggressore

Bambino in coma, la madre ricorre contro il giudice: “Disabile per colpa della sua sentenza”

Lo scorso 10 febbraio il piccolo è finito in ospedale a Bergamo per via di una infezione ritenuta di grave entità. Sempre l’avvocato della mamma riferisce che il giudice “non ha mosso un dito” e che la causa della infezione era la scarsa igiene che inficiava la salute del piccino. Questa condizione ha portato al sorgere di una encefalomielite acuta disseminata. Ora il bimbo sta svolgendo una apposita riabilitazione all’interno di una clinica privata. Questo allo scopo di ritrovare almeno l’uso degli arti. Mentre per il recupero della vista sembra proprio che non ci sia niente da fare. Il legale della mamma del bimbo parla anche di prove fotografiche per fare ottenere alla donna l’affidamento.

LEGGI ANCHE –> Bambino alla guida | a 5 anni in autostrada col Suv | FOTO

A fine maggio la ricusazione del giudice

Il corpicino del figlioletto era martoriato di croste e di infezioni diffuse e di un eritema ai glutei per via della scarsa igiene. “Per noi il Tribunale di Monza è responsabile per questa situazione”, dice l’avvocato. “Quel giudice va rimosso dal suo incarico per una questione di correttezza. Sbagliare è umano ma questo è uno sbaglio che ha reso un bimbo di 5 anni, che era stato anche in coma, disabile. Ci aspettavamo un passo indietro, che però non è avvenuto”. Ed ora ecco una decisione importante. Il prossimo 28 maggio verrà discussa la ricusazione di quel giudice.

LEGGI ANCHE –> Bambino ucciso o incidente | tremendo trauma cranico | genitori interrogati