Vaccino Coronavirus | dalla Cina test incoraggianti su scimmie

Una azienda cinese sta portando avanti una analisi sulla situazione vaccino Coronavirus. La stessa rende noti i progressi raggiunti.

vaccino Coronavirus
Situazione vaccino Coronavirus una azienda cinese parla di risultati incoraggianti FOTO Getty Images

In Cina sono in corso alcuni test per la realizzazione di un vaccino anti Coronavirus, portati avanti dall’azienda cinese Sinovac. La stessa ha fatto partire allo stesso tempo una sperimentazione sull’uomo, con ben 144 soggetti volontari.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, moglie devastata ha avuto 15 minuti per dire addio al marito

È il sito biorxiv a parlarne, specificando come nel vaccino ci sia il virus SARS-Cov-2 disattivato. Tale vaccino è riuscito a proteggere alcuni primati dall’infezione e senza comportare alcun effetto collaterale. Da metà aprile questo ha portato all’inizio di uno studio direttamente sull’uomo. Ed ora Sinovac punta a fare il prossimo passo entro metà maggio, coinvolgendo altri mille volontari.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Accuse gravissime dagli Usa: “La Cina sapeva del virus già a novembre”

Vaccino Coronavirus, Sinovac soddisfatta dei risultati sin qui raggiunti

Per quanto riguarda i test sulle scimmie, gli animali in questione sono otto macaco rhesus, ai quali gli scienziati hanno somministrato dosi diverse di vaccino anti Coronavirus. Dopo tre settimane nessuno di questi animali si presentava malato ed infetto. Poi chi tra esse ha avuto una dose maggiore ha fornito le risposte migliori. Invece gli animali con una dose minore hanno subito una carica del virus rimasta comunque sotto controllo. Negli animali non sottoposti a vaccino invece si è sviluppata una polmonite anche grave. Sinovac parla di risultati importanti, alla luce di ciò.

LEGGI ANCHE –> Ryanair, coronavirus: non applicheremo le regole di distanza

Ma non mancano critiche a questo studio

Anche negli Stati Uniti si lavora in tal senso, sempre con dei test sulle scimmie. Esperti dell’università di Pittsburgh, parlando alla rivista specializzata di settore ‘Science’, commentano però con scetticismo il lavoro dei loro colleghi cinesi. In particolare ci sarebbero dubbi sullo scarso numero di cavie coinvolte e sul fatto che comunque le scimmie potrebbero sviluppare sintomi diversi rispetto all’uomo e magari meno gravi. Gli studi dovranno andare necessariamente avanti.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus | Sopravvissuta all’olocausto muore per il virus