Torano | il sindaco | “C’è il pericolo di diventare una nuova Codogno”

Situazione complicata nella località calabrese di Torano, in provincia di Cosenza. Da quelle parti c’è il timore che divampi un focolaio del virus.

Torano
Paura a Torano per una situazione di contagi in una RSA locale Foto dal web

A Torano, in provincia di Cosenza, è emersa la presenza di un focolaio nella RSA ‘Villa Torano’. La struttura deputata ad ospitare gli anziani ha visto una donna positiva al virus nei giorni scorsi, in particolare a Pasqua.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Oms contro Europa: “Metà dei morti in case di cura”

Dopo la scoperta della positività di questa persona, la direzione ha ordinato per due volte dei tamponi a tappeto sia per il personale sanitario impiegato che per tutte le persone in cura. Adesso ci sarebbero circa 100 casi positivi. Sulla vicenda parla ad iNews24.it il sindaco di Torano, Lucio Franco Raimondo. Il primo cittadino per primo ritiene che la situazione sia delicata. Manca il risultato dei tamponi svolti sui parenti e sugli amici degli ospiti della struttura. E pare che ci siano altri positivi anche a Bisignano, località vicina a Torano”. Nella RSA vige la quarantena.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Antonello Ieffi | arresto per truffa | è l’ex fidanzato di Manuela Arcuri

Torano, il sindaco spiega la situazione

Il sindaco continua. “Stiamo ricevendo continue notizie circa la responsabilità sulla gestione di alcune emergenze, anche quella delle persone in quarantena. Era sorto un problema nel pomeriggio con la struttura in cui sono ospitati. Inseguito abbiamo ricevuto finalmente una proroga nei termini del pignoramento. Possiamo affrontare con calma i prossimi giorni e vedere di o farli rimanere lì attraverso un decreto del Prefetto o farli andare nelle proprie abitazioni. Mi riferisco agli operatori positivi”. Il sindaco ammette di non avere mai notato niente di anomalo prima di adesso. “Non era filtrato nulla riguardo a persone ammalate nella Struttura. Altrimenti sarei intervenuto. Fino a Pasquetta l’amministrazione da me presieduta ha sempre avuto rassicurazioni circa il fatto che andasse tutto bene. È anomalo che in Calabria ci siano dei gruppi di potere da decenni al vertice della nostra sanità.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus truffe | raccolta rifiuti a pagamento da finti operatori Ama

“Faremo di tutto per evitare di essere una nuova Codogno”

Ed ancora. “Altrettanto anomale è che ospedalizzare un paziente costa molto meno che tenerlo in una RSA. Eppure non si vuole procedere così. Tutto perché evidentemente c’è un interesse a non volere spendere soldi nella maniera giusta”. Ed ancora, il racconto continua. “Sia l’ASP che la proprietà vanno diritti per la propria strada. Domattina invierò una richiesta scritta ad ordini superiori, come il Ministero della Salute. C’è arrivata una comunicazione che all’interno della struttura sono stati fatti lavori, che potevano essere fatti prima, ma poi siamo zona rossa. Chi li ha fatti i lavori? Di fatto abbiamo chiuso il paese lasciando libera Villa Torano, ma il paese è blindato. Un’altra gravissima anomalia che sta penalizzando la nostra comunità”. Il primo cittadino assicura di fare il possibile che la località da lui amministrata non diventi una nuova Codogno. Gli appelli ad altre autorità non servono: l’unica cosa da fare è darsi da fare da noi”.

LEGGI ANCHE –> Truffa dello squilletto | il prefisso che ci costa 1,50 euro al secondo