Orrore a New York: vittime del coronavirus seppellite in fosse comuni

Alcune immagini diffuse dalla ‘BBC’ mostrano le fosse comuni scavate nei pressi di New York per seppellire le vittime del Covid-19 che non possono permettersi funerale e cimitero.

L’emergenza Coronavirus è diventata drammatica negli Stati Uniti. Già da diversi giorni il Paese nord americano è quello con il maggior numero di contagi nel mondo e cresce in maniera esponenziale anche quello delle vittime. Nella giornata di ieri sono stati registrati oltre 1.700 decessi, un numero altissimo ma di poco inferiore a quello del giorno prima in cui erano morte quasi 2000 persone.

Leggi anche ->Record di morti da Coronavirus negli Stati Uniti | quasi 2mila in un giorno

Particolarmente grave è la situazione di New York, epicentro della pandemia negli Stati Uniti. Nella “Grande Mela” e nello stato di cui è capitale si sono verificati circa la metà dei contagi e dei decessi. Già nei primi giorni in cui è esplosa la diffusione del contagio si sono verificati problemi di spazio negli ospedali. Adesso pare che il problema di spazio riguardi anche il posizionamento dei cadaveri, dramma che abbiamo vissuto anche in Italia.

Leggi anche ->Spagna, Coronavirus: decessi record, a Madrid mancano le bare

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

New York: vittime del coronavirus seppellite in fosse comuni

 

La dimostrazione di questo dramma viene data da alcune immagini pubblicate nelle scorse ore sul sito della ‘BBC‘. In queste si vedono delle riprese fatte da un drone che mostrano le fosse scavate per seppellire le vittime del Covid-19 le cui famiglie non si possono permettere un posto al cimitero. Le foto in questione sono state scattate ad Hart Island, nei pressi del Bronx. Proprio qui, infatti, da anni vengono seppellite quelle persone che non hanno la possibilità di pagare un posto al cimitero.

Con l’epidemia di Covid-19 al massimo della sua diffusione, il numero di decessi di questi giorni è aumentato rapidamente e così anche il numero di quelle persone che hanno necessità di una sepoltura fuori dal cimitero. Ad occuparsi di queste sepolture solitamente sono i detenuti del carcere di Rickers Island. Pare, però, che il numero sia così ingente da aver costretto l’amministrazione ad assumere dei dipendenti.