Maddie McCann, “Super riconoscitori” potrebbero trovare il rapitore dalle foto

Un ex detective britannico è certo che il suo team di “Super riconoscitori” potrebbe trovare un nuovo sospetto per il rapimento di Maddie McCann.

Quello di Maddie McCann è probabilmente il caso di sparizione più conosciuto degli ultimi 20 anni. La bimba si trovava in vacanza con i genitori a Praia da Luz (Portogallo), località balneare e turistica di grido. Prima che la famiglia britannica potesse tornare a casa, però, la piccola è scomparsa dal resort in cui alloggiava. Sin dai primi giorni è stata lanciata una disperata ricerca che però ha portato a diverse piste cieche. Dopo anni di ricerche infruttuose Scotland Yard aveva allentato la presa sulle indagini, ma da un paio d’anni a questa parte è stato riaperto il caso.

Leggi anche ->Scomparsa di Maddie McCann, la polizia sta cercando due nuovi sospettati

Le indagini stanno procedendo in due sensi: ricerca di prove che possano collegare qualcuno al rapimento e sviluppo di immagini che permettano di riconoscere Maddie, la quale adesso sarebbe 16enne. Ad inizio anno gli investigatori impegnati sul caso hanno dichiarato di essere sulle tracce di due sospetti. Gli stessi hanno però evitato di diffondere ulteriori informazioni per non compromettere le investigazioni. Nel frattempo un esperto ha creato una nuova app che permette di ricostruire il volto della bambina scomparsa e aggiornarlo a quello che dovrebbe avere oggi. L’immagine così creata viene confrontata con quelle riguardanti le segnalazioni che giungono.

Leggi anche ->Maddie McCann, il post commovente dei genitori: “Le ragioni per cui ci manca”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Maddie McCann, ex detective offre il suo team di “Super riconoscitori”

Recentemente Mick Neville, ex detective della polizia, ha sostenuto di poter aiutare le ricerche e trovare nuovi sospetti. L’uomo, infatti, è il fondatore del Met Police’s Central Forensic Image Team ed ora è il leader del Super Recognisers International. Si tratta di un gruppo di investigatori selezionati per la loro capacità di riconoscere i volti. Neville assicura che ognuno di loro è in grado di ricordare l’80% dei volti che ha visionato.

Avvalendosi di questo gruppo di esperti, l’ex detective sostiene di poter trovare, osservando le foto del viaggio a Praia da Luz della famiglia MacCann, potenziali sospetti che si trovano ai margini degli scatti. Come referenza per il team, lo stesso Neville parla di un caso del 2016 in cui il suo team ha catturato un ladro scorgendo l’etichetta della sua felpa nelle immagini. A suo avviso, infatti, il riconoscitore facciale in possesso delle forze dell’ordine da solo non basta: “(serve) Fino ad un certo punto, ma stai comunque traducendo qualcosa che qualcuno ti ha detto”.