Coronavirus, alta attenzione in Italia: “Case di riposo situazione critica”

I dati dell’Iss sulla diffusione del Coronavirus, alta attenzione in Italia: “Case di riposo situazione critica”, spiega Brusaferro, Paese diviso in tre.

(PIERO CRUCIATTI/AFP via Getty Images)

Case di riposo ed RSA: l’Istituto superiore di sanità, attraverso Silvio Brusaferro, spiega che quelle sono le situazioni che meritano maggiore attenzione in questo momento. In ogni caso, “nel Paese l’attenzione rimane alta”.

Leggi anche –> Coronavirus resta in saliva e feci anche 39 giorni dopo l’infezione

Due sono i concetti ribaditi in conferenza stampa, uno riguarda il fatto che nel 98% dei casi di decesso per Coronavirus c’erano delle patologie pregresse, l’altro punto è che le misure di contenimento funzionano.

Leggi anche –> Coronavirus sintomi | alla loro scomparsa si è contagiosi per altri 8 giorni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Iss, i dati sul contagio da Coronavirus: “Attenzione resta alta”

(VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

“La curva ci mostra che sembra stiamo arrivando a una sorta di plateau, un dato che ci dimostra che le misure stanno funzionando”, ha infatti spiegato Brusaferro, aggiungendo che in questo momento in Italia esistono tre aree: “Abbiamo quella a più alta circolazione al nord, una intermedia con alcune migliaia di casi e altre che sono con un numero contenuto di casi, a limitata circolazione”.

Da parte dell’Iss c’è un avvertimento: “Non vuol dire che è finita, vuol dire che dobbiamo cominciare la discesa prestando la massima attenzione”. Dunque attenzione alta soprattutto ora che il contagio sembra in discesa. Infine viene tracciato un identikit di chi è a rischio maggiore: “La fascia di età che paga il tributo più alto è tra i 70 anni in poi. Per le copatologie, il 98% era portatore di almeno un’altra patologia”.