Home News Gino Strada, chi è la figlia Cecilia: età, lavoro, vita privata

Gino Strada, chi è la figlia Cecilia: età, lavoro, vita privata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:34
CONDIVIDI

Cecilia Strada è l’ex presidente dell’Ong fondata dal padre Gino, Emergency. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei.

Attivista,  filantropa e saggista, ma soprattutto ex presidente dell’Ong fondata da suo padre Gino Strada, Emergency. Conosciamo più da vicino Cecilia Strada.

Leggi anche –> Gino Strada, chi è: età, carriera, vita privata del fondatore di Emergency

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Cecilia Strada

Cecilia Strada è nata a Milano il 12 marzo 1979. Figlia di Teresa Sarti Strada e di Gino Strada, si è laureata in Sociologia all’Università degli Studi di Milano-Bicocca e a 30 anni, il 21 dicembre 2009, è stata eletta presidente dell’Organizzazione non governativa Emergency al posto della madre, venuta a mancare il 1º settembre dello stesso anno. Cecilia Strada ha ricoperto tale carica sino al luglio 2017 e attualmente siede nel consiglio direttivo dell’Organizzazione. È sposata con Maso Notarianni e ha un figlio. Di recente ha denunciato su Facebook le molestie subite da bambina: “Avevo 9 anni, lui 40/50 più di me. Era un amico di mio padre”. I rapporti con quest’ultimo, per altro, non sono stati sempre idilliaci.

Da sempre molto impegnata a livello internazionale, Cecilia Strada ha seguito le attività dei vari ospedali di Emergency e ne ha curato i rapporti a livello locale, oltre a testimoniare come giornalista e sui media la sua esperienza e la convinzione che sia necessario modificare i rapporti internazionali e legare la rete dei rapporti commerciali al rispetto dei diritti umani.

Nel 2018 Cecilia Strada ha ricevuto il Premio Nazionale Cultura della Pace “per le molteplici attività svolte, per la sua opera sociale all’interno di un’associazione, così come per il lavoro di informazione, controinformazione e testimonianza riguardo ai teatri di guerra e alle possibili soluzioni da adottare. Tutto ciò ha permesso e permette a molti di conoscere realtà complesse, di aprire orizzonti diversi e di creare spazi di impegno decisivi per il progresso della società”.

EDS