Home News Sacerdote cede il respiratore ad un paziente più giovane e muore

Sacerdote cede il respiratore ad un paziente più giovane e muore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48
CONDIVIDI

Don Giuseppe Berardelli è morto dopo aver contratto il coronavirus: il sacerdote si è sacrificando cedendo il proprio respiratore ad un paziente più giovane.

La comunità ecclesiale di Casnigo (Bergamo), piange la scomparsa del suo pastore Don Giuseppe Berardelli. Il sacerdote si è ammalato di coronavirus qualche settimana fa e quando la comunità lo ha scoperto si è adoperata per fargli giungere un respiratore. Il macchinario gli era necessario a respirare e sopravvivere al contagio, ma questo vi ha rinunciato per permettere a qualcuno più giovane di lui di sopravvivere.

Leggi anche ->Coronavirus, Regno Unito lockdown: chiude tutto a Londra

Un sacrificio, quello compiuto dal sacerdote, che rappresenta la massima essenza di una vocazione religiosa. Quando ha saputo che c’era un ragazzo bisognoso di un respiratore, infatti, non ci ha pensato un attimo a rinunciarvi, ben conscio di quello che avrebbe comportato la rinuncia. Don Giuseppe non conosceva nemmeno quel ragazzo malato come lui di Covid-19, ma non importa era qualcuno che aveva bisogno di aiuto e lui non ci ha pensato su nemmeno un istante.

Leggi anche ->Malato di Coronavirus, lo straziante messaggio di un 28enne: “Ho fatto abbastanza?”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sacerdote cede il respiratore ad un giovane e muore

A raccontare il gesto di estrema misericordia del sacerdote è stato l’operatore sanitario che si è occupato di Don Giuseppe fino ai suoi ultimi istanti. Intervistato da ‘Araberara‘, questo confida: “Don Giuseppe è morto da prete. E mi commuove profondamente il fatto che lui, arciprete di Casnigo, vi abbia rinunciato di sua volontà per destinarlo a qualcuno più giovane di lui”. Con il sacrificio di Don Berardelli sale a 30 il bilancio dei preti vittime del Coronavirus, 16 dei quali appartenevano alla diocesi di Bergamo.

Aggiornamento

Qualche istante fa ‘Tgcom24’ ha rettificato la notizia, aggiungendo che per il momento non c’è alcuna conferma sulle parole dell’operatore sanitario. Non vi è certezza, dunque, che il sacerdote abbia ceduto il proprio respiratore. Un ulteriore chiarimento sulla vicenda verrà fornito quando sarà possibile.