Home Dove, come e quando Giardino di Ninfa tour virtuale: visita online il giardino più romantico del...

Giardino di Ninfa tour virtuale: visita online il giardino più romantico del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:44
CONDIVIDI

Cosa fare a casa durante la quarantena: visita il Giardino di Ninfa online

Giardino di Ninfa, Cisterna di Latina (iStock)

La primavera è iniziata, ma noi per ora possiamo solo ammirarla dalla finestra. Dobbiamo infatti stare a casa per evitare la diffusione del coronavirus e scongiurare così quanto prima questa pandemia. Da casa però possiamo riempirci gli occhi di bellezza. Musei e monumenti di ogni parte del mondo offrono tour virtuali, ma se volete andare all’aperto – pur restando seduti sul divano – per ammirare i fiori appena sbocciati allora cliccate sul sito dei Giardini di Ninfa. I Giardini di Ninfa sono tra i più bei giardini del mondo ritenuti i più romantici in assoluto e proprio quest’anno si sarebbero tenute le celebrazioni dei 100 anni.

Giardini di Ninfa: tour virtuale online

Il Giardino di Ninfa si trova in provincia di Latina ed è un monumento naturale considerato fra i giardini più belli del mondo. Si tratta di un tipico giardino all’inglese costruito sui ruderi dell’antica cittadina medioevale di Ninfa. Storia e natura si uniscono in questo luogo unico che oggi grazie alla tecnologia si può visitare anche da lontano tramite il canale youtube e instagram. Un breve tour virtuale per ammirare la bellezza di questo luogo, le sue innumerevoli piante, i paesaggi, i ruderi dell’antica Ninfa. Una visita guidata virtuale che vi donerà tutta la bellezza della primavera in questo spettacolare giardino.

Il Giardino di Ninfa entra quest’anno nel suo centenario ed erano previsti grandi festeggiamenti. La pandemia di coronavirus ha bloccato tutto, ma nella speranza di poter tornare presto a sentire i profumi del giardino e a vedere con i proprio occhi la natura, la Fondazione Caetani ha organizzato per il primo giorno di primavera una diretta facebook per far ammirare a tutti lo splendido giardino in fiore. Stare a casa, #distantimavicini.

Quest’area era attiva già ai tempi dei Romani e proprio sull’isolotto al centro del piccolo laghetto si trovava un tempio dedicato alle Ninfe. Nel medioevo viene costruita la cittadina di Ninfa che poi cade in rovina. Nel 1920, Gelasio Caetani, la cui famiglia da secoli è proprietaria della zona, bonifica la zona, restaura alcune costruzioni, soprattutto la torre e il municipio, perché vuole creare una residenza estiva. Con l’aiuto della madre realizza un orto botanico e pianta numerose specie diverse. Nel corso degli anni Lelia Caetani dona al giardino la tipica struttura all’inglese che vediamo ancora oggi.

Cento anni di bellezza

Il Giardino di Ninfa compie cento anni e noi non potevamo rinunciare a festeggiare con voi il primo giorno di primavera. E così abbiamo organizzato una visita speciale per essere #distantimavicini!(Il video è disponibile anche sul canale YouTube della Fondazione Roffredo Caetani a questo indirizzo https://youtu.be/s7Ux7vSCINk e sulla pagina Instagram del Giardino di Ninfa)

Pubblicato da Giardino di Ninfa su Sabato 21 marzo 2020

Autore: Cini Silvia

CONDIVIDI
Articolo precedentePositivo agente della scorta di Giuseppe Conte: ricoverato a Tor Vergata
Articolo successivoMilan, primi casi: Paolo Maldini ed il figlio Daniel positivi al Coronavirus
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.