Franco, guarito dal Coronavirus: “Cura sperimentale ha funzionato”

0
3

Guarito dal Coronavirus nelle Marche il 58enne Franco Dubbini, il suo racconto: “Cura sperimentale ha funzionato, ritrovato un amico”.

(ALFREDO ESTRELLA/AFP via Getty Images)

C’è il 58enne Franco Dubbini tra i guariti da Coronavirus nelle Marche: era ricoverato all’ospedale Torrette di Ancona. L’uomo è arrivato in condizioni gravi e ha seguito una cura sperimentale, con un antivirale utilizzato per l’Hiv.

Leggi anche –> Remdesivir: il nuovo farmaco antivirale per curare il Coronavirus

Va precisato che diversi studi di questi giorni hanno dato dei riscontri negativi sull’utilizzo della cura con antivirali già usati per l’Hiv, dando invece parere positivo per altre cure sperimentali.

Leggi anche –> Coronavirus: primo paziente guarito in Liguria con farmaco sperimentale

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il racconto di Franco: “Così ho battuto il Coronavirus e ritrovato un amico”

(ALFREDO ESTRELLA/AFP via Getty Images)

L’uomo però sta bene e adesso racconta al ‘Corriere Adriatico’ la sua odissea: “Sto bene, più o meno. Ancora c’è un po’ di percorso da affrontare, ma l’ultimo tampone è negativo”. Anche a lui come ad altri vengono date le stesse disposizioni: “Nessun contatto con i conviventi e uso separato della casa”. Franco Dubbini spiega di non sapere come ha contratto Covid-19, ma che anche un suo amico è risultato positivo: sono gli unici due però, a quanto pare, coloro che tra i loro contatti hanno avuto il virus.

L’uomo spiega come poi si è manifestato: “Ho avuto la febbre, mai salita sopra 37.7, che scendeva in mattinata e saliva nel pomeriggio. Così per alcuni giorni. Non ho mai avuto tosse o raffreddore”. Da quel momento, è iniziata l’odissea in ospedale, fino al lieto fine: “Nel dramma della malattia mi ha colpito la casualità di aver ritrovato un amico, quello che mi ha avvisato appunto della sua positività. Diciamo che ci siamo rincorsi nei vari reparti e alla fine ci siamo ritrovati, prima di uscire definitivamente”.