Lotto e SuperEnalotto “chiusi” per Coronavirus: la richiesta dei sindaci

0
7

La richiesta dei sindaci: sospensione delle attività di gioco di Lotto, SuperEnalotto e altre lotterie nazionali, “chiusi” per Coronavirus.

Lotto SuperEnalotto
Lotto SuperEnalotto (Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

La sospensione delle attività di gioco di Lotto, SuperEnalotto e altre lotterie nazionali, oltre ai cosiddetti Gratta e Vinci, che avvengono all’interno delle tabaccherie: a proporla è il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini.

Leggi anche –> Coronavirus, uscita dalla crisi è lontana: “Forse in estate”

Questi, con un post su Facebook, ha spiegato che ha condiviso questa sua proposta con il presidente Anci Antonio Decaro, sindaco di Bari, il quale potrebbe girare la richiesta al governo.

Leggi anche –> Coronavirus Roma: stretta sui controlli e posti di blocco – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sospensione Lotto e SuperEnalotto: fermare le lotterie per Coronavirus

SuperEnalotto Lotto
SuperEnalotto Lotto

Una scelta che – secondo Salvemini – non troverebbe nemmeno la contrarietà di chi questo servizio lo offre ai propri clienti. Dice il primo cittadino di Lecce: “Riceviamo infatti numerose richieste di intervento da parte degli esercenti stessi”. Questi si dicono “preoccupati dagli assembramenti che continuano a crearsi fuori dagli esercizi per il gioco alle lotterie nazionali e al Gratta e Vinci. Anche a causa della diffusione dell’abitudine al gioco si determinano spostamenti all’interno delle città assolutamente non necessari, che rischiano di vanificare tutti gli sforzi di contenimento della diffusione del contagio”.

Carlo Salvemini ritiene “importante che questo provvedimento possa essere tra quelli che verranno presi in esame dal Governo nella determinazione delle annunciate misure più restrittive”. Poi invita a usare in ogni caso il buon senso. Bisogna capire – dice -“che se ci è chiesto di non andare al pronto soccorso se non per ragioni di urgenza altrettanto importante è rinunciare a tentare la fortuna al gioco”.

SuperEnalotto