Coronavirus Italia | respiratore per due pazienti in Emilia Romagna “Straordinario”

0
1

Una azienda del Modenese raggiunge un traguardo assai importante in quella che è l’emergenza Coronavirus Italia. Bonaccini stupefatto.

Coronavirus Italia
Coronavirus Italia che traguardo in Emilia Romagna Foto Getty Images

Sono bastati solamente tre giorni per arrivare a realizzare il primo prototipo funzionante di respiratore in grado di fornire ossigeno a due pazienti invece che ad uno solo, come invece accade sempre.

LEGGI ANCHE –> Mattia, il “Paziente uno” è fuori pericolo: “Potrò veder nascere mio figlio”

Ed è la regione Emila-Romagna a rendere nota la cosa, per bocca del commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus Italia nell’area, Sergio Venturi. A fabbricare la importante strumentazione una azienda specializzata di Mirandola, in provincia di Modena. Il primissimo prototipo si trova all’ospedale ‘Sant’Orsola’ di Bologna e ha dato risultati capaci di stupire, dopo la primissima volta dal suo funzionamento. Nei prossimi giorni è prevista l’installazione di altri esemplari anche negli ospedali di Piacenza e di Parma. E la cosa contribuirà senz’altro ad alleviare il sovraccarico di pazienti colpiti da Coronavirus e che affollano i reparti di terapia intensiva delle suddette strutture.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Lombardia, Coronavirus. Fontana in tv: “Chiederò l’esercito come deterrente”

Coronavirus Italia, un respiratore ogni due pazienti libererebbe posti preziosi in terapia intensiva

“È una notizia formidabile capace di renderci il meritato orgoglio ed anche tanta speranza. Alcuni guardavano con scetticismo alla possibilità di potere ottenere risultati significativi in merito. Ora dovranno cambiare idea, per fortuna”. Complimenti più che meritati giungono anche dal governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. “Fare tutto questo in 72 ore è un qualcosa di straordinario. Gli esperti hanno creato un circuito innovativo che fornisce un ventilatore polmonare a più pazienti in contemporanea. Questa cosa, nata dalle capacità di una azienda specializzata del Modenese, potrebbe essere fondamentale per aumentare i posti letto in terapia intensiva. Il test preliminare al ‘Sant’Orsola’ ha funzionato e nei prossimi giorni ne ordineremo di altri, da piazzare nelle strutture ospedaliere delle altre province dove la situazione Coronavirus Italia è più critica. In ogni difficoltà l’Emilia-Romagna si è sempre rialzata, lo faremo anche stavolta”.

LEGGI ANCHE –> Mara muore a 25 anni: febbre alta e dolore al petto, faceva l’infermiera