Coronavirus, Rocco Casalino sotto accusa: “In giro per Roma”

0
6

Il portavoce di Giuseppe Conte, Rocco Casalino, finisce sotto accusa: “In giro per Roma, fa jogging col compagno nonostante il Coronavirus”.

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Rocco Casalino, ex concorrente del Grande Fratello e ormai storico militante del Movimento 5 Stelle, da giugno 2018 è portavoce e capo dell’ufficio stampa del presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte.

Leggi anche –> Rocco Casalino, nella crisi di Governo è l’unico che ne uscirà rafforzato

In queste ore, finisce sotto la lente di ingrandimento una foto pubblicata dal quotidiano ‘Il Giornale’, che lo vede in giro per Roma insieme al suo fidanzato.

Leggi anche –> Rocco Casalino, è polemica: “Vecchi e down mi fanno schifo come i ragni” – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le accuse contro Rocco Casalino: “Su Coronavirus infrante regole”

(ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Dopo Matteo Salvini, ‘pizzicato’ mano nella mano con la fidanzata Francesca Verdini, mentre passeggia per le strade di Roma, un nuovo esponente politico di primo piano finisce ora sotto accusa. Quello che viene ritenuto lo ‘spin doctor’ di Conte si trova in giro per Roma e dalla foto, per la verità alquanto sfocata, sembra fare jogging. In molti lo accusano di non rispettare le regole, ma c’è anche chi lo difende, sostenendo che i 2 mantengono comunque la distanza di sicurezza. Inoltre, come spiegato dal Viminale, non esiste il “divieto di passeggiata”.

Mentre gli italiani fanno i conti con le restrizioni imposte dal governo per provare a fermare Covid-19, Rocco Casalino e il fidanzato Marco passeggiano in centro. Siamo a Roma, in via Cola di Rienzo. Quartiere Prati, nel pieno dell’emergenza coronavirus”, scrive un utente su Twitter. Un altro, facendo riferimento al caso Salvini, domanda: “Oggi a sinistra tutti muti?”. Non è la prima volta che l’ex gieffino finisce al centro delle polemiche durante l’emergenza Coronavirus: infatti, la sera del 7 marzo fu lui a essere ritenuto la “gola profonda” che avrebbe diffuso la bozza del primo DPCM agli organi di stampa, una versione che venne poi smentita.