Rocco Casalino, nella crisi di Governo è l’unico che ne uscirà rafforzato

 

Rocco Casalino
Rocco Casalino con Donald Trump – FOTO: instagram

Il portavoce di Giuseppe Conte, Rocco Casalino, viene definito come “l’unico fattore di normalità ormai”, nonostante tutti gli episodi controversi che lo accompagnano da tempo.

Dagospia analizza la figura – possiamo dire da sempre controversa – di Rocco Casalino. Il portavoce del Movimento 5 Stelle oltre che del premier Giuseppe Conte e suo capoufficio stampa viene definito come “il più implausibile, arrogante, volgare, portavoce della presidenza del Consiglio che la storia ricordi è forse il solo che, alla fine, abbia conservato un suo senso dentro uno spirito del tempo così imbarazzante: per paradosso ormai pare un tipo ordinario, quello in grisaglia mentre tutti gli altri seguendo i suoi consigli si mostrano in costume e rotoli in spiaggia”. Con tutto quello che sta accadendo ora e con la crisi di governo ormai conclamata che porterà presto a nuove elezioni, “Rocco Casalino sembra quello normale…altri due passi e ci parrà un Cavour”. Dagospia spiega poi una serie di pasticci e di difetti comunicativi avvenuti di recente tra i principali esponenti di un Governo ormai in crisi e della cui fine tutti erano certi che sarebbe giunta in questo modo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Rocco Casalino, un suo merito è il saper superare indenne le tempeste

In tutto ciò il 46enne brindisino nato in Germania ha visto sempre consolidare la propria posizione, uscendo tutto sommato indenne dalle polemiche che diverse volte lo hanno riguardato. Ed ora c’è chi vede in lui il successore di Di Maio alla conduzione politica del M5S, oltre che molto di più di un semplice portavoce. Il terremoto che ha colpito Palazzo Chigi porterà degli sconvolgimenti, ma in tanti sono convinti che lui sarà uno dei pochi ad uscirne indenne, grazie alle abilità che lo hanno portato dal Grande Fratello nel 2000 a quello che è oggi. Ovvero un esponente di uno dei maggiori partiti italiani (perché il M5S, da movimento popolare che era, è a tutti gli effetti divenuto un partito) che stringe con orgoglio le mani a gente come Trump e Putin. Nonostante tutto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rocco Casalino (@rocco_casalino) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rocco Casalino (@rocco_casalino) in data: