Adolescente ricoverata per un dolore addominale scopre di essere incinta

0
3

Un’adolescente britannica è stata ricoverata d’urgenza per un forte dolore addominale ed ha scoperto in ospedale di essere incinta.

La storia di Courtney Evans, ventenne di Daventry (Northants), dimostra che i contraccettivi non offrono protezione totale dalle gravidanze. Nel libretto d’indicazione dei contraccettivi, anche delle pillole, c’è spiegato che in alcuni casi si potrebbe verificare una gravidanza, ma si tratta di casi così rari che quasi nessuno pensa che possa verificarsi davvero.

Leggi anche ->Gravidanza indesiderata, investe la compagna incinta di due gemelli

Lo ha scoperto personalmente questa ragazza britannica quando aveva appena 17 anni. Una mattina, infatti, si è svegliata a casa del fidanzato con un forte dolore addominale. Sia lei che il compagno pensavano che si trattasse di un’appendicite e si sono recati in gran fretta in ospedale. Solo dopo che è stata visitata, Courtney ha scoperto che il dolore che provava era causato dalle doglie. Poche ore dopo il ricovero, infatti, ha dato alla luce al suo primo figlio, Leo. Oggi racconta la sua storia per fare capire ai ragazzi che la pillola anticoncezionale potrebbe non prevenire una gravidanza.

Leggi anche -> Donna prende la pillola anticoncezionale e finisce in terapia intensiva

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Adolescente scopre di essere incinta al momento del parto

Raccontando la sua storia al ‘Mirror‘, l’adolescente spiega di non essersi resa conto della gravidanza perché non presentava segni di stanchezza, nausee mattutine, voglie particolari o altri sintomi tipici. Inoltre la mancanza delle perdite mensili le riteneva un effetto della pillola anticoncezionale. Quando le hanno detto che era incinta, dunque, Courtney è rimasta in stato di shock.

Tutto le sembrava surreale e persino quando le hanno messo il piccolo appena nato sul ventre era incredula: “Me l’hanno messo addosso ed io non riuscivo a tenerlo in braccio. Non perché non lo amassi, ma perché ero ancora in stato di shock”. La ragazza spiega inoltre che quando gli hanno presentato il figlio l’unica cosa che riusciva a pensare era: “Adesso cosa faccio?”. Una sensazione normale, che con il passare del tempo è svanita: “Adesso non lo cambierei per nulla al mondo, è il mio piccolo migliore amico”. Ciò nonostante ci tiene ad avvisare le adolescenti che fanno uso di anticoncezionali: “Le pillole contraccettive non sono efficaci al 100%, c’è sempre una chance di rimanere incinta”.