Europa League: salta Siviglia Roma, non ci sono aerei causa Coronavirus

0
3

Salta Siviglia Roma di Europa League, non ci sono aerei dall’Italia per la Spagna causa Coronavirus: l’Uefa va verso il rinvio del match.

(Martin Rauscher – SEPA.Media/Getty Images)

La Roma fa sapere attraverso Twitter che “non andrà in Spagna per il match di Europa League contro il Siviglia a causa della mancata autorizzazione da parte delle autorità locali. Maggiori dettagli saranno resi noti dalla UEFA”.

Leggi anche –> Serie A Coronavirus: cosa accade dopo il 3 aprile – VIDEO

Questo lo striminzito comunicato giallorosso, che di fatto lascia intendere che la partita di domani nel tardo pomeriggio in Spagna è destinata a saltare.

Leggi anche –> Coronavirus, Spadafora durissimo contro il calcio: “Non volevano fermarsi”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Siviglia-Roma di Europa League verso il rinvio causa Coronavirus

(Martin Rauscher – SEPA.Media/Getty Images)

Dunque la partita va verso il rinvio causa Coronavirus: la società giallorossa ha confermato la propria scelta anche attraverso il sito ufficiale. “La decisione delle autorità spagnole è conseguenza del provvedimento che ha bloccato i voli dall’Italia verso il paese come misura per il contenimento del COVID-19”, viene spiegato. Si attendono ora le comunicazioni dell’Uefa, ma intanto potrebbe saltare anche la partita tra Inter e Getafe, viste anche le dure frasi del presidente della squadra spagnola, il quale ha spiegato che il club non partirà per Milano.

Poco prima che la Roma comunicasse quanto accaduto, il tecnico del Siviglia Lopetegui parlava ancora con la convinzione che si potesse giocare. Aveva infatti affermato: “È una settimana complicata e complessa. Abbiamo una partita che stiamo preparando da un’intera stagione e c’è entusiasmo. Logicamente vorremmo che si giocasse con il pubblico, che è ciò che dà significato al calcio”. Quindi era entrato nello specifico: “Noi siamo carichi e se alla fine giocheremo, che è ciò che crediamo accadrà, dobbiamo essere assolutamente preparati, perché è un momento molto importante per tutti. Siamo tutti presi da ciò che sta succedendo, ma siamo professionisti”.