Home News Ronaldinho arrestato | trovato con passaporto falso FOTO

Ronaldinho arrestato | trovato con passaporto falso FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:58
CONDIVIDI

Sta facendo discutere la vicenda di Ronaldinho arrestato. L’ex campione di Brasile, Barcellona e Milan finisce in manette.

Ronaldinho arrestato
Ronaldinho arrestato FOTO viagginews

L’ex calciatore Ronaldinho arrestato. La notizia fa scalpore, considerando la fama del 39enne che in carriera ha vestito a lungo le maglie del Barcellona e del Brasile, tra le altre. E che ha giocato anche con il Milan tra il 2008 ed il 2011, per poi chiudere la carriera in patria al Fluminense nel 2015.

LEGGI ANCHE –> Brasile, Ronaldinho appoggia l’estremista Bolsonaro: punito dal Barcellona

Sia lui che il fratello Roberto de Assis sono finiti in manette in Paraguay a causa di un passaporto falso che l’ex giocatore pare utilizzasse in maniera indebita dal 2018. Un anno e mezzo fa infatti gli fu tolto il passaporto vero. Per i suoi spostamenti dunque il brasiliano si è servito di un documento appositamente falsificato. Di Ronaldinho arrestato si dice che fosse in Paraguay per prendere parte ad una iniziativa benefica, con incasso da devolvere ai bambini in difficoltà. Sembra si trovasse lì per presenziare in qualità di testimonial ad un programma di assistenza sanitaria pediatrico.

LEGGI ANCHE –> Destiny Udogie, chi è: vita e carriera del talento della Nazionale U17

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ronaldinho arrestato, i guai sono iniziati nel 2018

Una volta giunto in albergo però, durante i controlli sarebbe emersa la non idoneità del passaporto mostrato. L’hoterl in questione è il ‘Resort Yatch & Golf Club Paraguayo’. Ne ha fatto seguito l’arresto, con la diffusione di foto che ritraggono un individuo a volto coperto. Per alcuni però tale circostanza lascia pensare ad una sorta di controversa mossa pubblicitaria. C’è chi contesta il fatto che l’individuo in manette non sia Ronaldinho e ci si chiede a questo punto il perché della necessità di coprire il volto, vista la notorietà del soggetto. Nel 2018 all’ex attaccante vennero contestati dei reati ambientali presso il Lago Guaiba, non lontano dalla sua città natale, Porto Alegre. Proprio da allora ‘El Gaucho’ perse il passaporto.