Home News Coronavirus, Burioni: “Siamo solo all’inizio, chiusura scuole prolungata”

Coronavirus, Burioni: “Siamo solo all’inizio, chiusura scuole prolungata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:07
CONDIVIDI

Quanto durerà l’emergenza Coronavirus? Secondo il virologo Roberto Burioni è troppo presto per abbassare la guardia: ecco le sue parole.   

In un’Italia alle prese con l’emergenza Coronavirus sono in molti a chiedersi se e quando si potrà tornare alla normalità. Purtroppo, però, almeno per ora qualsiasi ipotesi appare azzardata. “In questo momento in realtà siamo all’inizio di un’epidemia – spiega Roberto Burioni, virologo dell’ospedale San Raffaele di Milano – e sono giorni decisivi nei quali si potrà stabilire se siamo stati capaci di contenere l’epidemia o comunque di rallentarla”.

“Non abbiamo farmaci e non abbiamo vaccini – ricorda l’esperto -, solo due armi: la diagnosi che ci permette di distinguere Covid-19 da un’influenza e, ancora più importante, l’isolamento: è un virus, questo, che si trasmette attraverso i contatti sociali e non abbiamo altre alternative se non ridurli il più possibile. Fino a quando? Fino a quando il contagio non rallenterà”.

Leggi anche –> Coronavirus, sale il contagio: Italia alla ricerca di mascherine

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La “previsione” di Burioni sul Coronavirus

Anche se dagli ultimi dati emerge una diminuzione dei contagi, è d’obbligo la massima cautela. “Per sapere se i contagi sono in calo non bastano i dati di un giorno, serve che il trend si mantenga in discesa per giorni e giorni – avverte Burioni -. Non possiamo basarci su queste oscillazioni che possono dipendere da molte variabili, banalmente anche dal fatto che per qualche motivo in quel giorno sono stati analizzati meno tamponi. I numeri che vediamo oggi sono i contagi di 10 giorni fa, quando erroneamente pensavamo che il coronavirus non ci fosse anche perché ancora nessuno lo aveva cercato, nessuno immaginava che fosse già arrivato nel nostro Paese e nessuna restrizione era stata messa in atto. La verità è che il trend è ancora in crescita. Non sappiamo che cosa succederà nei prossimi giorni, ma non mi sorprenderei se la chiusura delle scuole venisse prolungata”.

Burioni sottolinea inoltre che “non c’è un dato assoluto a cui dobbiamo puntare che ci dirà che siamo fuori pericolo, ma dobbiamo osservare una curva discendente di contagi che si prolunga nel tempo. Se tra qualche giorno vedremo che il trend è in discesa vorrà dire che le misure adottate hanno funzionato. Ma se in quel momento molliamo, riaprendo scuole, stadi, palestre, il rischio è che i casi riesplodano e i sacrifici fatti non saranno serviti. Se il trend invece continuerà a salire vuol dire che le misure adottate non sono state sufficienti e dovranno essere riviste per renderle più stringenti. Qualunque sacrificio in più oggi non è nulla in confronto a quello che potrebbe accadere se il virus partisse libero perché il nostro sistema sanitario andrebbe in tilt. Il paziente uno, quel ragazzo di 38 anni che non è un anziano ma uno sportivo è ancora in vita perché è curato in modo adeguato e ha trovato un posto in terapia intensiva. Se ci ammalassimo tutti insieme gli ospedali andrebbero al collasso. Anche le persone più giovani possono sviluppare sintomi gravi”.

Burioni apre infine uno spiraglio di ottimismo: “Ci sono diverse speranze: che il coronavirus diventi più buono, ma quando e se succederà non lo possiamo ancora sapere. Inoltre il fattore meteo potrebbe essere rilevante: altri coronavirus in generale circolano in primavera, ma quando arriva l’estate tutti i virus respiratori si trasmettono meno, non fosse altro perché le scuole chiudono (serbatoio molto importante di trasmissione) e si sta di più all’aria aperta”.

Leggi anche –> Coronavirus: bambina di un anno ricoverata a Bergamo, è grave 

Leggi anche –> Coronavirus Italia: avviata dalla Cina raccolta fondi – VIDEO

EDS