Home Dove, come e quando Lufthansa: stop ai voli da e per l’Italia, le destinazioni off limits...

Lufthansa: stop ai voli da e per l’Italia, le destinazioni off limits e cosa sapere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:16
CONDIVIDI

Voli da e per l’Italia: stop fino ad aprile per Lufthansa, la situazione aerei a oggi.

coronavirus-italia-voli-lufthansa-stop
Getty Images

Per via dell’emergenza Coronavirus che, in Italia, a oggi conta circa 1600 contagi (ore 12.37) sono molte le compagnie aree che hanno deciso di rivedere i loro voli verso il nostro paese. Se da alcuni vettori sono arrivate notizie di chiusura e blocco totale, come la Delta Airlines e l’American Airlines, altri invece hanno solamente ridotto. Lufthansa è tra questi. In questi giorni sono saltati moltissimi viaggi e soprattutto molti paesi hanno imposto delle dure misure restrittive nei confronti del nostro paese. Una situazione complicata insomma che porta i clienti a cercare spasmodicamente informazioni per il rimborso dei biglietti aerei già comprati, ma non solo. Il danno economico nei confronti di questa situazione è notevole e non sappiamo quando e come l’Italia potrà riprendersi a livello di turismo.

La decisione di Lufthansa per i voli verso l’Italia

Intanto, una delle ultime notizie riguarda proprio la compagnia aerea Lufthansa che ha dichiarato di “ridurre la capacità dei voli verso l’Italia”. La decisione, a oggi, riguarda essenzialmente i voli verso Milano, Venezia, Roma, Torino, Verona, Bologna, Ancona e Pisa. Stesso discorso per quando rigurda la Cina continentale dove il blocco dei voli rimarrà attivo fino al 24 aprile e fino al 30 aprile nei confronti di Teheran. Una decisione che sembra chiaramente estrema, ma quasi necessaria e che però, vedendo il lato positivo, lascia molto margine di apertura per l’estate. Se, infatti, l’epidemia  Whuan ha avuto un picco di circa 45 giorni e poi ha iniziato a regredire, si spera che anche in Italia la situazione sia simile o migliore. Molti medici sostengono infatti che questa settimana sarà fondamentale perché saranno trascorsi i famigerati 14 giorni di incubazione e potremo vedere se le misure di contenimento messe in atto fino ad ora sono servite oppure no.

Intanto Lufthansa ha specificato che le misure di restrizione dei voli riguardano anche le linee interne. Voli ridotti, infatti, da Francoforte a Berlino, Monaco, Amburgo e Paderborn e da Monaco a Berlino, Amburgo, Dusseldorf, Colonia, Brema e Hannover.

Cosa hanno deciso le altre compagnie aeree

Per quanto riguarda le altre compagnie aeree sappiamo che:

  • American Airlines: voli cancellati fino al 24 aprile da e per Milano
  • Turkish Airlines: voli cancellati per l’Italia fino al 10 marzo
  • British Airways: sospensione di alcuni voli da e per l’Italia fino al 28 marzo
  • EasyJet: sospesi alcuni collegamenti per l’Italia del Nord.
  • Brussels Airlines: ridotto di circa il 30% i suoi collegamenti con l’Italia fino al 14 marzo

  • El Al Israel Airlines: sospesi i voli verso l’Italia e la Thailandia fino al 14 marzo, mentre i voli per Bangkok saranno interrotti dal 2 al 27 marzo.
  • Bulgaria Air: sospesi i voli verso Milano fino al 27 marzo.
  • Eurowings: sospesi alcuni voli con Stoccarda e Dusseldorf per un calo dell’offerta
  • Royal Jordanian: cancellati tutti i voli verso l’Italia fino a data da destinarsi.