Coronavirus, in Lombardia ospedali al collasso. L’Oms: “Serve struttura ad hoc”

0
2

Coronavirus, in Lombardia ospedali al collasso. L’Oms: “Serve struttura ad hoc”. Nella situazione di emergenza che si vive in queste ore, si risente di una mancanza di posti letto e di personale sanitario.
Coronavirus

In Lombardia la situazione di emergenza causata dal diffondersi del contagio da Coronavirus tra la popolazione sta creando una situazione critica negli ospedali. Mancano infatti posti letto nel reparto di terapia intensiva e medici e personale sanitario negli ospedali.

Leggi anche –> Coronavirus, l’infettivologo Galli: “E’ da inizio gennaio che c’è il virus in Italia”

Leggi anche –> Coronavirus, ecco quando finirà l’epidemia in Italia

Coronavirus, situazione critica negli ospedali della Lombardia. L’Oms afferma: “Serve struttura ad hoc”

Il divampare del contagio da Coronavirus sta creando non pochi disagi, soprattutto a quelle regioni maggiormente colpite da questa epidemia. E’ il caso certamente della Lombardia, dove l’emergenza in corso ha creato una situazione nel settore sanitario davvero insostenibile. Gli ospedali presi d’assalto in questi giorni sono a tal punto gremiti che scarseggiano i posti letto nel reparto di terapia intensiva. Per l’Oms sarebbe necessario creare una struttura ad hoc.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

La situazione registrata in queste ore a Milano e in tutta la Lombardia è assolutamente critica. A causa del diffondersi del contagio su tutto il territorio, gli ospedali si ritrovano in una situazione vicina al collasso e con posti letto in totale esaurimento. Anche il personale medico e sanitario inizia a diventare carente, tanto che si cerca la immediata disponibilità di figure professionali di questo tipo.

In questa situazione è stata l’Organizzazione Mondiale della Sanità ad avvertire: “Nell’emergenza servono strutture ad hoc”. E a Milano un valido supporto in questo senso potrebbe arrivare dall’ex ospedale militare di Baggio. Come si legge su Tgcom24, l’assessore al Welfare Giulio Gallera della Regione Lombardia ha spiegato come questa struttura potrebbe servire ad ospitare coloro che potrebbero essere dimessi pur risultando positivi al test. Anche Massimo Galli, primario di Infettivologia dell’ospedale Sacco di Milano, ha ribadito la situazione di emergenza dovuta al fatto che i moltissimi pazienti affetti da Coronavirus occupano attualmente i letti della terapia intensiva.
Coronavirus