Home News Coronavirus, la speranza del vaccino australiano: “Superati i primi test”

Coronavirus, la speranza del vaccino australiano: “Superati i primi test”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:08
CONDIVIDI

Il vaccino australiano contro il Coronavirus ha superato i test di laboratorio: l’Università del Queensland ora è pronta alla sperimentazione animale. 

Nuovi passi avanti verso la creazione di un vaccino contro il Coronavirus. Già nei giorni scorsi la Cina aveva annunciato i primi test sugli animali; ora dall’Australia arriva un’altra buona notizia. E’ stata infatti conclusa la sperimentazione in laboratorio del vaccino-candidato contro il Covid-19 fatto nel Paese: ad annunciarlo è il team di ricercatori dell’Università del Queensland che ora procederà alla sperimentazione sugli animali.

Leggi anche –> Coronavirus, il virologo Burioni avverte: “Aumenteranno i casi in Italia” 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Una nuova arma contro il Coronavirus?

Lo studio in laboratorio del potenziale vaccino contro il Coronavirus è durato tre settimane. “Esistono ancora numerosi test per garantire che il vaccino-candidato sia sicuro e che crei un’efficace risposta immunitaria – ha spiegato il biochimico Peter Høj, vicecancelliere e presidente dell’ateneo australiano -, ma la tecnologia e la dedizione dei ricercatori vogliono testimoniare che il primo ostacolo è stato superato”.

Lo stesso Høj precisa che la Cepi (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, l’organizzazione internazionale che si occupa dello sviluppo della ricerca nei vaccini e che ha sede in Norvegia) ha chiesto aiuto all’Università del Queensland perché dispone della tecnologia necessaria per produrne uno “entro sei mesi”. Stando a quanto dichiarato dagli studiosi, le prime ricerche sono andate “come previsto” e il materiale creato ha le proprietà che consentono all’équipe di procedere allo sviluppo del vaccino. Non resta che aspettare e sperare.

Leggi anche –> Coronavirus, Rita Dalla Chiesa divide gli animi: “Fate i nomi dei malati”  

Leggi anche –> Coronavirus: primo caso a Milano, ricoverato al San Raffaele

EDS