Coronavirus, come ottenere il rimborso di biglietti aerei e vacanze in caso di recesso

Coronavirus, viaggi e voli cancellati: come ottenere il rimborso totale.

viaggi-cancellati-coronavirus-rimborso (1)
Pixabay

Fa paura il Coronavirus: le vittime crescono, i contagi e aumentano e da poco l’Organizzazione Mondiale della sanità ha addirittura dichiarato che sono preoccupanti alcuni casi di contagio da Coronavirus di soggetti che non erano stati in viaggio in Cina o Wuhan. Quindi si teme che tutto questo possa essere solo la punta dell’iceberg. Intanto però l’Adiconsum, come riporta L’Eco di Bergamo, ha dichiarato che alcuni operatori turistici si stanno un po’ approfittando della situazione non dando rimborsi adeguati per i viaggi cancellati verso la Cina.

Coronavirus: voli e viaggi cancellati

L’emergenza Coronavirus infatti sta assolutamente influenzando il settore dei trasporti aerei e dei viaggi, con tante vacanze e voli aerei che sono stati annullati e altrettante rinunce da parte dei viaggiatori che, giustamente, non se la sentono di partire ora. La presidente di Adiconsum Bergamo, Mina Busi ha dichiarato che il codice del turismo prevede il rimborso di biglietti o di interi pacchetti in casi speciali come questo. Ma alcuni operatori diciamo che stanno cercando di fare un po’ i furbi non rimborsando la totalità della spesa. I consumatori che hanno acquistato però un viaggio che comprende un soggiorno e un volo in Cina devono sapere che possono recedere senza problemi prima della partenza perché il codice del turismo dichiara che: “In caso di circostanze inevitabili, straordinarie verificatesi nel luogo di destinazione o nelle vicinanze e che hanno un’incidenza sostanziale, il viaggiatore ha diritto di recedere dal contratto prima dell’inizio del pacchetto senza corrispondere spese di recesso e ha diritto al rimborso integrale dei pagamenti effettuati”.

Come ottenere il rimborso aereo

Stesso discorso vale anche per il biglietto aereo perché l’ente nazionale per l’aviazione civile, il 31 gennaio 2020, ha comunicato che su disposizione delle autorità sanitarie nazionali tutti i voli verso la Cina fino a nuove comunicazioni saranno sospesi e quindi il biglietto può essere rimborsato. I voli del resto vengono quindi cancellati esattamente come le vacanze per via di circostanze eccezionali e in virtù del regolamento comunitario il passeggero in questi casi ha il diritto al rimborso totale del biglietto pagato. Le segnalazioni di consumatori e che non hanno ricevuto questo trattamento sono state svariate e quindi le varie associazione nazionali dei consumatori si stanno prodigando al fine di risolvere questi problemi il prima possibile.

View this post on Instagram

@drtedros declared a public health emergency of international concern over the global outbreak of #2019nCoV. He stated: "Our greatest concern is the potential for the virus to spread to countries with weaker health systems, and which are ill-prepared to deal with it. We must act now to help countries prepare for that possibility. This is the time for facts, not fear. This is the time for science, not rumours. This is the time for solidarity, not stigma." For recommendations on the response to the outbreak, check link in bio.

A post shared by World Health Organization (@who) on

Se doveste cancellare un volo o un viaggio verso la Cina per via del Coronavirus vi consigliamo vivamente di controllare il regolamento dei consumatori prima di recarvi in agenzia per evitare problemi.