Meningite Napoli | maestra ricoverata in condizioni serie

C’è un caso di meningite a Napoli: una insegnante di scuola dell’infanzia ed elementare è in ospedale con un quadro clinico serio, ma l’istituto non chiude.

meningite Napoli
Caso di meningite a Napoli con una maestra ricoverata FOTO viagginews

Un caso di meningite a Napoli viene segnalato dalla Asl 1 del capoluogo campano. Riguarda una insegnante, che al momento risulterebbe ricoverata all’ospedale ‘Cotugno’ in condizioni definite serie. La struttura è specializzata nella cura di malattie infettive.

LEGGI ANCHE –> Valentina, giovane ballerina, morta di meningite a soli 14 anni

L’infezione da meningite meningococcica di tipo B ha portato il personale sanitario a predisporre la relativa chemioprofilassi con tanto di antibiotici da somministrare a tutti i bambini, i colleghi ed il personale con il quale la donna è entrata in contatto sull’ambiente di lavoro. L’insegnante colpita da meningite a Napoli lavora in un istituto elementare e per l’infanzia. Riguarda però solamente i contatti stretti avuti dalla donna. E quindi in particolare i soli bambini delle sue classi, in particolare.

LEGGI ANCHE –> Allarme meningite | vaccinazioni di gruppo al Nord dopo due decessi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Meningite Napoli, una insegnante ricoverata: lavora alla Piscicelli

La dottoressa Rosanna Ortolani, responsabile del servizio epidemiologia e prevenzione della Asl Napoli 1 Centro, fornisce un consiglio fondamentale all’Ansa. “Vaccinate i vostri bambini che abbiano meno di 10 anni di età. Anche con vaccino esavalente. Suggeriamo una una quarta dose di vaccino haemophilus influenzae”. In una nota diramata nella mattinata di martedì 11 febbraio 2020 dall’Ospedale per malattie infettive “Cotugno” viene fornito il quadro clinico della donna. In esso è specificato che l’insegnante è ricoverata in reparto e non in rianimazione. L’istituto presso il quale lavora è il ‘Piscicelli’. La scuola resterà comunque aperta in quanto non sarebbero stati riscontrati ulteriori fattori di rischio. La situazione è circoscritta alla sola donna ricoverata. La Asl 1 ha infatti comunicato che “le usuali attività di pulizia e di aerazione sono adeguate a garantire le performance di igiene”.