Marco Masini, la morte della madre: dolore e devastazione, il buio totale

Marco Masini, la morte della madre: dolore e devastazione, il buio totale e l’inizio di un periodo bruttissimo che ha rischiato di buttarlo definitivamente a terra.

Marco Masini è un cantante dotato di una voce profonda connotata da un timbro particolare, capace di scrivere testi di spessore che entrano nell’animo di chi li ascolta.

Leggi anche –> Il confronto, testo e significato del brano di Marco Masini | Sanremo 2020

Nonostante l’indubbio talento, la sua carriera è stata caratterizzata da alti e bassi. Nel suo caso, però, non si tratta di semplici fasi di stanca, bensì di un vero e proprio ostracismo, nato da un’etichetta che gli è stata affibbiata.

Leggi anche ->Marco Masini, chi è l’ex compagna Aurora Nardozzi: età, carriera e vita privata

Verso la metà degli anni ’90, infatti, si è sparsa in giro la voce che il cantante portasse iella. Una voce insensata a cui nessuno avrebbe dovuto dare seguito e che invece ne ha condizionato la carriera e la vita per lungo tempo. A parlarne lo scorso luglio è stato lo stesso Masini durante un’intervista concessa a Paola Perego nella quinta puntata di ‘Non Disturbare‘.

Leggi anche -> Stasera in tv, L’Anno che verrà: le anticipazioni e gli ospiti del 31 dicembre

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Marco Masini racconta il suo periodo più buio: “Era una persecuzione”

Aurora Nardozzi chi èTornando indietro a quegli anni difficili, Marco spiega come tutto fosse nato da una presa in giro: “Iniziò tutto per scherzo. Lo facciamo tutti, tutti prendiamo in giro qualcuno”. Nessuno si sarebbe immaginato che quella voce si sarebbe tramutata in una vera e propria persecuzione. Con il passare del tempo lo scherzo era diventato una falsa credenza e questo ne ha bloccato la carriera: “Quando un’azienda va a fondo un amministratore delegato deve dimettersi. Era una persecuzione, non riuscivo neanche ad andare al bar a prendere il caffè. Vedevi gente che si girava e si toccava, era difficile. Mi sentivo disarmato, quella è un’arma letale”.

Nel 2001 una televisione gli ha persino rifiutato la presentazione in diretta di un brano poiché, nonostante il pezzo fosse bello, l’artista emanava energie negative. Sembrava tutto preso, ma nel 2006 è giunto il riscatto. Masini ha partecipato al Festival di Sanremo e vinto quell’edizione. La maledizione alimentata dalle maldicenze era rotta e da quel momento tutto è tornato alla normalità.