Influenza killer | Emma morta a 10 anni | “Solo 100 casi l’anno”

La povera Emma uccisa da una influenza killer a Treviso, il suo quadro clinico è precipitato nel giro di qualche minuto. “Un caso eccezionalmente raro”.

influenza killer treviso
Il caso di Emma morta a Treviso per una influenza killer FOTO viagginews

Il caso di Emma, la bambina morta a seguita di una influenza killer fulminante, viene definito “rarissimo” da alcuni medici specialisti. Lei aveva appena 10 anni e sabato scorso aveva contratto una febbre rivelatasi subito assai virulenta. Al punto da toccare i 41° senza mai scendere.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia | cinesi con febbre alta su nave a Civitavecchia

Da lì ecco la corsa in ospedale, nella giornata di domenica, quando il termometro era arrivato quasi al limite. I dottori avevano diagnosticato alla povera bambina morta poi successivamente un virus dell’influenza killer di tipo B. Lei era ancora cosciente anche se assai provata. Non sembrava niente di così grave al punto da metterne al rischio la vita. Invece è proprio quel che è accaduto in maniera inaspettata nel breve volgere di poche ore. Il fatto è accaduto a Silea, in provincia di Treviso, con il padre Marco Vitulli e la madre Piera Botter entrambi sconcertati dalla perdita della loro amatissima figlia.

LEGGI ANCHE –> Infermiera killer | 28enne prendeva di mira neonati prematuri

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Influenza killer, quello di Emma un caso rarissimo

La cartella clinica di Emma riporta come causa della morte una “una encefalopatia necrotizzante acuta causata da una reazione metabolica autoimmune”. Condizione scaturita con tutta probabilità proprio dal virus dell’influenza. La bambina è morta per influenza in pratica, nel pomeriggio di martedì 28 gennaio, dopo essere finita in coma. La Usl parla di appena 100 casi come questo che avvengono ogni anno nel mondo. Dopo la Tac, Emma ha avuto una reazione degli anticorpi ed è stata urgentemente trasferita nel reparto di Terapia Intensiva. Lascia anche i fratelli Alex – 22 anni – e Matteo (11). I genitori descrivono la loro amata Emma come una bambina sempre allegra e solare, oltre che sana.

LEGGI ANCHE –> Allarme influenza: quasi 3 milioni di persone colpite, ecco chi rischia di più

Il suo quadro clinico è peggiorato in pochissimi minuti

Emma frequentava la quinta elementare e cresceva in un ambiente felice. Praticava anche la ginnastica artistica, al punto da non rinunciare mai ad una sola seduta in palestra, come ricorda suo padre. Ricoverata all’ospedale Ca’Foncello di Treviso, la bambina morta per influenza non ha avuto neanche il tempo di rendersi conto di cosa stesse succedendo. Le sue condizioni sono peggiorate nel giro di appena qualche minuto. Con il coma irreversibile perdurato due giorni e poi la tragica scomparsa. I genitori hanno preso atto di come siano stati compromessi rapidamente il sistema nervoso centrale ed altre parti vitali della loro figlia. Hanno ringraziato i medici, che si sono prodigati per quanto possibile, oltre a tutti coloro che stanno continuando ad inviare dei sentiti messaggi di cordoglio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, caso sospetto a Roma: turista cinese portato in ospedale