Home News Elly Schlein, chi è: carriera e curiosità sulla giovane politica

Elly Schlein, chi è: carriera e curiosità sulla giovane politica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:29
CONDIVIDI

Chi è Elly Schlein, carriera e curiosità sulla giovane politica: da OccupyPd all’Europarlamento fino all’elezione a consigliere regionale.

(screenshot video)

Nata in Svizzera nel 1985, Elly Schlein, all’anagrafe Elena Ethel Schlein viene eletta europarlamentare nelle liste del Pd nel 2014, appena 29enne.

Leggi anche –> Regionali, accordo centrodestra: liste e candidati unitari

L’anno dopo, in contrasto con le politiche renziane, passa a Possibile, il movimento di Pippo Civati, in cui resta dal maggio 2015 fino al maggio 2019.

Leggi anche –> Elezioni Emilia Romagna | Mihajlovic tifa Salvini | “Fidatevi di lui”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Carriera politica e curiosità su Elly Schlein

Figlia di professori universitari, suo padre Melvin Schlein è un ebreo statunitense. Dopo aver conseguito la maturità al Liceo cantonale di Lugano si trasferisce a Bologna e nel marzo 2011 si laurea in Giurisprudenza. Negli stessi anni, inizia a interessarsi di politica. Tra le fondatrici, a Bologna, dell’associazione studentesca universitaria Progrè, si appassiona alle tematiche delle politiche migratorie e della situazione carceraria. Avvicinatasi al Pd, dopo l’affossamento della candidatura al Quirinale di Romano Prodi, è tra le promotrici della campagna di mobilitazione #OccupyPD, sfociata nell’occupazione di numerose sedi del partito.

Si oppone anche al governo di larghe intese, guidato da Enrico Letta. Alle primarie del dicembre 2013, sostiene la candidatura di Pippo Civati a segretario nazionale del PD. Viene eletta alla Direzione nazionale del partito. L’anno dopo è eletta europarlamentare, nella circoscrizione nord-orientale,  con 53.681 voti di preferenza. Al Parlamento Europeo, fa parte di commissioni importanti, poi a maggio 2015, tramite un post su Facebook, annuncia l’abbandono del Partito Democratico, in contrasto con Renzi. Entra in Possibile di Pippo Civati, ma ne esce nel 2019 in contrasto con la linea della nuova segretaria Beatrice Brignone. Decide anche di non ricandidarsi alle Europee e denuncia un’eccessiva frammentazione a sinistra del Pd. Alle Regionali dell’Emilia Romagna di gennaio 2020 corre nella lista Emilia-Romagna Coraggiosa Ecologista. La lista appoggia Stefano Bonaccini. Elly Schlein viene eletta consigliere con 22.098 voti personali. Risulta la candidata più votata.