Home Meteo Meteo, neve in tutta Italia a Natale e a Capodanno 2020

Meteo, neve in tutta Italia a Natale e a Capodanno 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:10
CONDIVIDI

Meteo le previsioni per le feste natalizie. Ultime proiezioni danno neve in città al Nord e al Centro

meteo natale 2019
Neve in Italia per Natale 2019

Un Bianco Natale è il sogno di molti. La neve infatti riesce a rendere magico e suggestivo ogni luogo. Una nevicata nel giorno di Natale avrebbe poi un fascino enorme. E stando alle ultime proiezioni dei meteorologi per il Natale 2019 questo potrebbe avverarsi. Gli ultimi aggiornamenti meteo per Natale e Capodanno 2020 indicano infatti che c’è la concreta possibilità di avere la neve in pianura durante le festività natalizie. La combinazione di gelo e perturbazioni dovrebbe avvenire proprio durante le feste natalizie.

Meteo Natale 2019 e Capodanno 2020

Quest’anno è lecito credere e sperare in un Bianco Natale. Dopo un novembre piovoso, ma mite sotto il profilo termico, dicembre ci ha accolto con il primo vero freddo della stagione, con temperature sotto zero e gelate notturne. Ma anche con abbondanti precipitazioni. Un mix che potrebbe rivelarsi perfetto per il sogno della neve. Infatti secondo le stime e le ultime proiezioni meteorologiche questa condizione porterà neve abbondante sull’Italia.

Le previsioni meteo a settimane di distanza hanno ovviamente un’attendibilità più bassa di quelle a giorni di distanza. Può infatti capitare che un vento o una corrente cambi la traiettoria per modificare ad effetto domino il quadro previsto. Ma a rafforzare le previsioni a lungo termine ci sono anche statistiche e proiezioni, che sebbene non diano certezze, rafforzano le ipotesi.

Al momento l’ipotesi è che intorno al 20 dicembre arrivi sull’Italia una forte perturbazione alimentata da correnti gelide di origine artica. Questa condizione porterebbe a precipitazioni nevose anche in pianura, soprattutto al Nord (saranno innevate Milano e Torino) e poi successivamente nei giorni seguenti il maltempo si sposterà verso il Centro e poi sul Sud. Avremo neve su tutta la dorsale appenninica con sconfinamenti possibili anche verso le coste. Non è esclusa quindi una veloce imbiancata a Roma e a Firenze, ma anche la costa adriatica potrebbe essere investita da consistenti nevicate.

Nei giorni del 25 e 26 dicembre la perturbazione arriverebbe al Sud dove potrebbero verificarsi copiose nevicate, non solo in quota, ma anche in collina e pianura. E lo stesso quadro si replicherebbe intorno al 28/29 dicembre quando una nuova perturbazione giungerebbe sull’Italia regalandoci quindi neve e freddo anche per Capodanno.

Quel che sembra certo comunque è che dicembre, a dispetto di quanto precedentemente previsto, sarà un mese freddo, caratterizzato da ondate gelide.  Ciò è dovuto al movimento dell’Alta Pressione che come abbiamo visto in questi primi giorni del mese spostandosi verso Nord innesca la discesa di correnti fredde dalla Scandinavia. Una condizione che dovrebbe ripetersi anche nei prossimi giorni.

Intanto però stiamo andando incontro a una delle pause dal freddo di dicembre. Per il giorno dell’Immacolata infatti è previsto un rialzo termico. Ma si tratterà solo di una tregua: dal 10 dicembre nuovo tracollo delle temperature che scenderanno sotto lo zero nei valori minimi al Nord e saranno vicine allo zero al Centro. Sarà un gelo con neve in quota. In attesa della prossima ondata di freddo che porterà neve forse anche in pianura.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMaltrattamenti asilo | maestra insultava bimbi ed aveva rapporti di nascosto
Articolo successivoUber mostra dati allarmanti: oltre 3mila aggressioni sessuali nel 2018
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.