Home News Heather Parisi, chi è l’ex marito Giorgio Manenti: la crisi dopo l’arresto...

Heather Parisi, chi è l’ex marito Giorgio Manenti: la crisi dopo l’arresto dell’uomo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:36
CONDIVIDI

Giorgio Manenti è l’ex marito di Heather Parisi. La coppia, sposata nel 1993, ha avuto un anno dopo la prima figlia che si chiama Jewel Manenti.

Giorgio Manenti ex marito Heather Parisi
Screenshot

L’imprenditore bolognese fu arrestato il 26 marzo 1996  per l’inchiesta sul fallimento della Magnetofoni Castelli, una bancarotta che avrebbe creato un buco stimato intorno ai 70 miliardi. La stessa ex ballerina andò a testimoniare a Palazzo di Giustizia di Milano, scagionando il marito che si trovava a San Vittore. La loro crisi arrivò proprio durante questo periodo, cercando sempre di superare ogni momento negativo prima dell’addio definitivo avvenuto qualche anno dopo. Per diverso tempo lo stesso imprenditore faceva da prestanome al cugino, più volte coinvolto in vicende di bancarotta e quindi impossibilitato ad assumere cariche societarie in proprio. Giorgio Manenti, dopo aver lasciato varie cariche, era rimasto amministratore di una delle società che facevano parte della Holding Emmeci (Magnetofoni Castelli).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Giorgio Manenti,  vita privata

Attualmente non si trovano tante informazioni sulla sua vita privata e professionale.  Non è presente sui social a differenza di sua figlia, che pubblica spesso foto sul proprio profilo Facebook.

Curiosità sulla figlia di Giorgio Manenti e Heather Parisi

Dopo aver frequentato il liceo classico “Dante Alighieri” si è iscritta all’Università Luiss di Roma, per poi proseguire con gli studi a Madrid. Ha un rapporto speciale con la “sorellastra” Jacqueline Di Giacomo, nata dalla relazione di sua mamma con l’ortopedico Giovanni Di Giacomo. In un’intervista la stessa Parisi aveva svelato: “Il mio desiderio più grande è sempre stato di fare la mamma e non ho cambiato idea. Oggi che le altre mie figlie più grandi per completare i loro studi, vivono altrove, mi dedico ai più piccoli”.