Home low cost Flixtrain: il treno low cost di Flixbus alla conquista dell’Europa

Flixtrain: il treno low cost di Flixbus alla conquista dell’Europa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:24
CONDIVIDI
flixtrain treno low cost
Flixtrain in Germania (Morris MacMatzen/Getty Images)

Flixtrain: il treno low cost di Flixbus alla conquista dell’Europa. I progetti di espansione dei collegamenti.

Flixtrain, il treno low cost di Flixbus, amplia i suoi collegamenti uscendo dalla Germania, dove aveva inaugurato le sue tratte lo scorso anno. La società si apre così all’Europa. In arrivo nuove opportunità dai trasporti a basso costo e soprattutto ecologici. Ecco tutto quello che bisogna sapere sul nuovo servizio.

Flixtrain: il treno low cost di Flixbus in Europa

Prima la Germania, Paese di origine della società, poi il resto d’Europa, a cominciare dalla Svezia e dalla Francia, con elevata probabilità di allargarsi al resto del Vecchio Continente. Stiamo parlando di Flixtrain, la linea di treni low cost di Flixbus, la società tedesca di autobus low cost a lungo raggio dall’inconfondibile livrea verde acido che ha aperto nel 2013 e negli ultimi anni è diventata leader del trasporto su gomma tra le città europee.

Dopo il successo dei primi treni low cost in Germania, dove continuano ad aumentare le tratte, ora Flixtrain punta a nuovi collegamenti nel resto d’Europa. La formula è sempre la stessa: offrire biglietti economici, a partire da 10 euro a tratta. Un affare in Germania, dove viaggiare in treno è piuttosto costoso.

Flixtrain ha inaugurato le sue corse a marzo 2018, con le prime tratte ferroviarie a basso costo prima tra le città di Colonia e Amburgo, poi Berlino e Stoccarda, incluse le città intermedie. Lo scorso maggio è stato aperto il terzo collegamento di Flixtrain da Berlino a Colonia via Hannover. Mentre nella primavera del 2020 aprirà la nuova tratta tra Stoccarda e Amburgo. Creando una rete che copre i collegamenti tra queste quattro importanti città della Germania. Inoltre, aumenteranno anche le fermate intermedie delle linee ferroviarie. Dal prossimo 15 dicembre, infatti, i treni Flixtrain che viaggiano su Berlino-Stoccarda e Berlino-Colonia fermeranno in sette nuove città, tra le quali sono incluse Aquisgrana, Lipsia ed Erfurt.

L’apertura dei collegamenti ferroviari low cost è stata possibile grazie ad un accordo con Deutsche Bahn, la società ferroviaria nazionale tedesca, di cui Flixtrain utilizza le carrozze, rinnovate. Con l’espansione delle tratte, Flixtrain amplierà la sua flotta impiegando treni nuovi. Tutti i treni, poi, saranno alimentati al 100% da energie rinnovabili.

Flixtrain, il treno low cost di Flixbus (Morris MacMatzen/Getty Images)

I nuovi collegamenti in Svezia e Francia

Nel frattempo il treno verde sbarcherà anche all’estero, in altri Paesi europei. Si comincerà già nel 2020 in Svezia, dove Flixtrain viaggerà sulle tratte Stoccolma-Malmo e Stoccolma-Goteborg. In Svezia al momento è in crescita la domanda di collegamenti ferroviari, pratici, comodi (perché lasciano i passeggeri direttamente nei centri delle città) e soprattutto ecologici, probabilmente grazie all’effetto Greta. Inoltre i treni low cost di Flixtrain rappresentano una alternativa adatta a tutte le tasche.

Dopo la Svezia, sarà la volta della Francia, dove peraltro sono operativi i Tgv low cost OuiGo del gruppo SNCF, la Società nazionale delle ferrovie francesi. Qui Flixtrain arriverà nel 2021, con la liberalizzazione del mercato ferroviario. Secondo le indiscrezioni – non ci sono ancora notizie ufficiali – le rotte del nuovo treno low cost in Francia potrebbero essere Parigi-Bercy-Nizza, Parigi-Bercy-Tolosa e forse Parigi-Bruxelles. Infatti, l’autorità nazionale francese di regolazione, ARAFER; aveva già chiesto alle società interessate ad entrare nel mercato ferroviario del Paese di trasmettere i propri piani 18 mesi prima dell’inizio delle operazioni, e al momento starebbe valutando, su richiesta, la fattibilità di alcune rotte selezionate.

E l’Italia? È ancora presto per fare previsioni, ma al momento Flixtrain non sarebbe interessata al nostro Paese.

Leggi anche –> I treni low cost pronti a conquistare l’Europa