Home Curiosità Turismo in Alto Adige: i dati ufficiali

Turismo in Alto Adige: i dati ufficiali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:57
CONDIVIDI

Che l’Alto Adige sia da sempre una delle regioni preferite dai turisti di tutto il mondo per le loro vacanze estive e invernali, non è certo una novità. Non si tratta soltanto di una leggenda, i dati ufficiali non solo lo confermano, ma mettono anche in primo piano numeri che colpiscono.

Secondo i dati di Astat e Ire (camera di commercio), nel 2018 le presenze turistiche in Alto Adige hanno superato i 33,3 milioni. Si è stabilito così il nuovo record per quattro anni consecutivi. È possibile dire che nel 2018 c’è stato un vero e proprio boom.

L’incremento rispetto all’anno precedente è stato del 2,7 per cento, ovvero 880mila euro di pernottamenti in più in tutta la regione.

A scegliere queste vacanze sono stati in primo luogo i turisti provenienti dalla Germania con un incremento del 3,1 per cento e dagli altri paesi esteri con il 5,3 per cento. Anche il numero degli italiani cresce ma non così tanto. Si tratta ufficialmente dello 0,6 per cento in più rispetto al 2017.

Le persone che hanno scelto le vacanze in Alto Adige sono state 7.517.426, oltre 215mila in più rispetto all’anno precedente.

Perché si sceglie l’Alto Adige

Sarebbe riduttivo parlare di un solo motivo per spiegare la passione dei turisti per le vacanze in Alto Adige. Per prima cosa non si può non parlare della genuinità che ancora si respira in quei luoghi che sembrano fuori dal tempo, come se fossero lontani anni luce dalla nostra realtà cittadina. Invece non lo sono, sono lì, a pochi chilometri da noi e da tutte le nostre attività quotidiane divise tra confusione, stress e smog. Tre fattori che, tra l’altro, portano le persone a scegliere le verdi montagne altoatesine.

C’è poi il silenzio, c’è l’aria pulita, ci sono la frutta e la verdura a chilometro zero, ci sono le botteghe degli artigiani, ci sono i contadini, ci sono le mucche che producono latte genuino. Tutto quello che in città non esiste e forse non è mai esistito. Ed è per questo che i viaggiatori più o meno esperti lo scelgono per le loro vacanze.    

Senza contare che molte strutture ricettive sono eco-friendly, pulite e con personale formato e molto cordiale.

 

Dove alloggiare

L’Alto Adige, si sa, è una regione altamente green e non solo per la presenza di paesaggi incontaminati e montagne maestose. Qui si punta all’innovazione, al turismo, alla natura. Spesso sono elementi che concorrono tutti insieme a rendere unico il luogo.

Per vivere esperienze senza eguali, esperienze che uniscono natura e bellezza è possibile soggiornare nei tipici alloggi altoatesini come i masi, le tradizionali abitazioni rurali a cui era connesso l’allevamento del bestiame. Non solo, ci sono anche gli agriturismi biologici, gli hotel ecosostenibili che spesso hanno anche la possibilità di godere dei servizi della Spa interna, bed&breakfast ecofriendly.

La parola chiave è: rispetto della natura in ogni sua forma, dalla struttura e l’arredamento degli alloggi, al risparmio energetico utilizzando fonti di energia sostenibile. Senza parlare poi del cibo che è tutto assolutamente locale.