Strangola la fidanzata e si dà alla fuga: lo stuntman di Brad Pitt nei guai

Kirill Belorusov, 32enne stuntman estone, ha strangolato la fidanzata e l’ha abbandonata nuda in un giardino per poi scappare: ora è sotto processo.

Voleva scappare sperando di farla franca, mala giustizia l’ha riacciuffato per tempo. Kirill Belorusov, 32enne stuntman estone noto soprattutto come controfigura di Brad Pitt, è ora sotto processo per omicidio volontario. Si era dato alla fuga dal Paese natio nello scorso mese di marzo, poco prima del ritrovamento del cadavere della sua fidanzata, Laureline Garcia-Bertaux,produttrice cinematografica francese uccisa a soli 34 anni. Secondo quanto si è appreso nel corso delle prime udienze, lo stuntman era tutt’altro che un fidanzato modello e, anzi, maltrattava di continuo la povera ragazza, umiliandola davanti agli altri per il suo peso e tradendola regolarmente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo stuntman di Brad Pitt alla sbarra per omicidio

Quando la fidanzata di Kirill Belorusov si è resa conto che egli le era infedele, lo stuntman ha deciso di ucciderla strangolandola. Dopo di che ha tentato di nascondere le prove del delitto legando i suoi arti e avvolgendo il cadavere della vittima con della plastica, per poi nasconderlo nel giardino sul retro della casa di Londra in cui i due convivevano. Ma il Nostro sapeva che prima o poi il suo crimine sarebbe stato scoperto, per cui ha lasciato in fretta e furia la Gran Bretagna per fare ritorno in Estonia. Dove è rimasto finché le indagini non hanno rivelato la sua colpevolezza: a quel punto è stato forzatamente riportato in Inghilterra.

Nel corso della prima udienza, il pubblico ministero ha descritto dettagliatamente le modalità con cui lo stuntman ha ucciso la sua fidanzata e ha sottolineato l’estrema lucidità con la quale ha compiuto il crimine: “E’ difficile immaginare che qualcuno possa agire in un modo più calcolato ed insensibile”, ha detto. Quanto alla vittima, non c’è dubbio che abbia subìto una morte atroce: “Gli ultimi istanti di vita di Laureline devono essere stati terrificanti… Capire mentre si sta morendo che l’uomo che ami non è solo un traditore, ma un assassino. L’omicidio stesso è durato almeno 4 minuti in cui l’imputato ha lentamente ucciso la donna che diceva di amare”.

EDS