Lele Mora, drammatico annuncio: “Ho un tumore maligno”

L’ex agente dei vip Lele Mora fa sapere che ha un tumore maligno tra i polmoni e i reni, ed esprime rammarico per i suoi figli: “Non se lo meritano”.

Lele Mora ha appreso di essersi ammalato di cancro mentre stava registrando un’intervista per Libero Quotidiano e, nonostante lo choc e il dolore che è facile immaginare in casi del genere, non ha esitato a renderlo noto a tutti. Il tumore, secondo quanto lui stesso ha rivelato, è stato localizzato tra i reni e i polmoni. Ma in questo momento la sua preoccupazione sembra essere soprattutto un’altra. “Non avrei voluto dare questo nuovo dispiacere ai miei figli, non se lo meritano” confessa l’ex agente dei vip.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La nuova vita di Lele Mora

“Sto aspettando una telefonata importante, quella del medico, a breve saprò se sono affetto da un tumore maligno o meno” aveva detto Lele Mora alla giornalista di Libero Quotidiano, senza curarsi di nascondere gli occhi lucidi, poco prima di apprendere della terribile diagnosi. “Sì, il cancro è maligno ed è situato tra i polmoni ed i reni. Adesso farò quel che c’è da fare. Ma non avrei voluto dare questo nuovo dispiacere ai miei figli, non se lo meritano”.

Fino a quel momento Lele Mora era impegnato a raccontare dei giorni trascorsi in carcere, 407 lunghissime giornate vissute in isolamento, per scontare gli errori commessi: “Ho fatto tanti errori, come tutti – ha ammesso -. Eppure non ho rimpianti. Il peccato più grande è l’arroganza. Ne ho avuta, mi sono sentito invincibile”. Un tratto, questo, che lo accomuna senz’altro a Fabrizio Corona, di cui Mora dice: “La detenzione lo ha peggiorato, ha sviluppato una rabbia che lo sta consumando”.

Mora ha poi raccontato di aver accettato una serie di proposte di lavoro all’estero, lontano dall’Italia: “Sto lavorando in Albania, dove ricopro il ruolo di direttore generale di Top Channel, in Bulgaria e in Georgia, dove curo le tv di Stato sia come autore che come agente. Mi sono arrivate queste proposte e le ho accettate”. Ora, però, le necessarie cure lo costringeranno probabilmente a rallentare e a dedicare più tempo a se stesso, concentrando le energie sull’obiettivo più importante: sconfiggere la malattia.

EDS