Home News Partito Renzi, elettori PD divisi sulla scissione: ecco i risultati del sondaggio

Partito Renzi, elettori PD divisi sulla scissione: ecco i risultati del sondaggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:51
CONDIVIDI
Partito Renzi
(Screenshot Video)

Secondo un sondaggio condotto da EMG Acqua, gli elettori del PD sono divisi sulla scissione voluta da Renzi: ecco i risultati.

Nell’ultimo mese Matteo Renzi è tornato prepotentemente al centro della scena politica. L’ex premier ha prima spinto verso un accordo tra il PD ed il Movimento 5 Stelle, quindi a sorpresa ha lasciato il partito per crearne uno nuovo. La decisione ha generato un vero e proprio caos mediatico e politico ed in questi giorni ci si interroga su quelli che saranno gli effetti.

A preoccupare, infatti, è che l’uscita di Renzi dal PD gli dia il potere di far sciogliere l’alleanza in qualsiasi momento. Italia Viva è vista come una mina vagante all’interno della maggioranza, capace di tenere in scacco tutto il governo. In realtà allo stato attuale delle cose, Renzi non avrebbe alcun motivo di destabilizzare la maggioranza, poiché vanificherebbe il lavoro fatto per non andare ad elezioni anticipate. Un altro quesito che molti si chiedono è se questa scelta lo porterà ad avere maggiori consensi, o se lo indebolirà ulteriormente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa ne pensano gli italiani del nuovo partito di Renzi?

Secondo il sondaggio elaborato da ‘Emg Acqua‘ per il programma ‘Agorà‘, gli italiani al momento sono divisi sulla scelta di Renzi, sia gli elettori del PD che gli altri. Tra i primi il 26% si è detto favorevole alla scelta dell’ex premier, mentre il 72% si è detto contrario. Tra gli altri le percentuali variano: il 31% è favorevole, il 40% è contrario ed il 29% ha preferito non esprimersi. Per quanto riguarda i possibili votanti del nuovo partito, le stime si fermano ad una preferenza del 3,4%. Mentre per la fiducia accordata dagli italiani agli uomini di spicco della politica continua a primeggiare Salvini (40%), mentre Renzi è al quinto posto (16%) dietro anche a Berlusconi (17%).