Home News Mamma accusata dell’abuso di un 15enne: “Menzogne, non ha testimoni”

Mamma accusata dell’abuso di un 15enne: “Menzogne, non ha testimoni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26
CONDIVIDI

Mamma accusata abuso su minoreIn una lettera invita a Barbara D’Urso, la mamma accusata di aver fatto sesso con il compagno di classe della figlia si difende.

Nei giorni scorsi è emersa un’indagine ai danni di una donna di Macerata (di cui vi abbiamo parlato anche noi), accusata di violenza sessuale aggravata, atti sessuali con minore e cessione di droga a minore. Stando alla testimonianza del quindicenne e alle accuse dei pm, la donna avrebbe approfittato della presenza costante del ragazzo in casa per indurlo ad avere rapporti sessuali. Pare inoltre che questa lo abbia fatto bere e drogare per poterlo manovrare con maggiore semplicità. I fatti risalgono a 4 anni fa e secondo l’accusa ci sarebbero stati almeno 15 rapporti sessuali completi. La donna è chiamata a difendersi al tribunale di Macerata il prossimo 9 ottobre.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma accusata di abuso di minore: “Sono tutte bugie”

Nel corso dell’ultima puntata di ‘La Vita in Diretta’ la donna si è difesa dalle accuse: “Non è vero che è ci sono stati rapporti sessuali, né che avevo droga in casa”. Quindi invita tutti a riflettere sulla versione dei fatti presentata nella denuncia: “Non ce l’aveva con me. Però lui l’ha raccontata in un modo che non è tanto normale. Dice che stavo in cucina, sopra al tavolo, che c’erano gli altri amici, c’erano le mie figlie, noi stavamo sopra al tavolo, tutti che guardavano. Cioè… mia figlia, cosa volete che abbia detto?”. In conclusione continua ad insistere sull’assurdità del racconto, sottolineando come non abbia testimoni.

La mamma accusata di abuso si è difesa anche inviando una lettera a ‘Pomeriggio Cinque’, in cui ribadiva più o meno gli stessi concetti: “Lui non può dire che stavamo da soli in casa, non lo può dire. E se non stavamo da soli in casa, e fai qualcosa in cucina, in sala o dovunque, dovrebbero esserci dei testimoni a dire ‘Sì, è vero che facevano quello’. Ma non ce li ha”.