Home Dove, come e quando Milano-Parigi in treno: arriva il Frecciarossa di Trenitalia

Milano-Parigi in treno: arriva il Frecciarossa di Trenitalia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:19
CONDIVIDI

Treno Milano-Parigi: con il Frecciarossa di Trenitalia si arriva in 6 ore nella capitale francese

Milano e Parigi sono ancora più vicine e lo saranno ancora di più da giugno 2020. Grazie a Trenitalia si potrà infatti raggiungere la capitale francese comodamente in treno in appena 6 ore. La nuova tratta di Frecciarossa rivoluzionerà i trasporti europei e renderà decisamente più facile andare in Francia dall’Italia. Ciò grazie alla liberalizzazione del mercato ferroviario europeo che permetterà a Trenitalia di entrare negli altri Paesi Europei. E la prima linea sarà Milano-Parigi.

Leggi anche-> Trenitalia le offerte per gli studenti

Entro dicembre 2020 entrerà in vigore infatti il Piano Normativo del IV Pacchetto Ferroviario che permetta alle aziende di operare in Paesi diversi dal proprio. La Francia finora ha resistito a tutti i tentativi di liberalizzazione del mercato ferroviario dei passeggeri, ma ora dovrà necessariamente cedere.

Andare da Milano a Parigi in treno

Il viaggio in treno Milano-Parigi è stato finora in mano alla TGV che per coprire quei 900 chilometri di distanza impiega 7 ore. Trenitalia annuncia che con il Frecciarossa 1000 ad alta velocità il viaggio sarà di 6 ore e il prezzo sarà molto competitivo rispetto a TGV.
A convincere Trenitalia di poter fare meglio in termini di velocità sono i risultati dei test effettuati sui circuiti d’Oltralpe. Trenitalia ha portato infatti in Francia il suo treno d’eccellenza, il Frecciarossa 1000, per valutare e quanto n’è venuto fuori è estremamente entusiasmante.

Da giugno 2020 si potrà quindi usufruire di questa nuova tratta Parigi-Milano e da dicembre anche della linea Parigi-Marsiglia. Trenitalia infatti vuole ampliare i collegamenti ferroviari in Francia.

Quanto costa andare da Milano a Parigi

Attualmente per andare a Parigi da Milano in treno ci sono diverse soluzioni. La più economica è il treno notturno, il Thello, che impiega 10 ore e 30 per arrivare nella capitale francese. La partenza è alle 23.10 e l’arrivo è alle 9.37 il costo è a partire da 70/80 euro.
L‘alta velocità costa decisamente di più e prevede un cambio. Il più rapido è quello che parte da Milano Centrale alle 8.23 e arriva a Lausanne alle 11.42 con l’Eurocity32 e da qui alle 12.23 si riparte per Parigi Gare de Lyon dove si arriva alle 16.03. In totale 7.40 ore e il prezzo è intorno ai 200 euro, magari prenotando con anticipo si paga qualcosa in meno, ma insomma non è propriamente economico, soprattutto se paragonato con i prezzi vantaggiosissimi degli aerei.

Prendendo ad esempio la data del 16 ottobre 2019 il treno veloce (Eurocity e Tgv) ha prezzi a partire da 187 euro; in aereo nel medesimo giorno i prezzi sono di appena 13 euro con Ryanair, 28 euro con Vueling e 46 con Air France. Si potrà obiettare che il treno parte e arriva in pieno centro città, che non ci sono pullman da prendere per spostarsi, che non bisogna presentarsi ore prima in stazione come invece bisogna fare in aeroporto, che si possono portare liquidi in borsa senza troppe preoccupazioni. Tutto vero, ma 13 euro contro 187 euro è uno sproposito. Trenitalia per far bene deve non solo superare Tgv, ma anche rendere meno appetibile prendere l’aereo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteJuventus Women Barcellona: formazioni e come vedere in streaming e live
Articolo successivoChi è Massimo Sebastiani, l’assassino di Piacenza: età, storia e vita
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.