Quanto durerà il nuovo governo: riuscirà ad eleggere il Presidente della Repubblica?

Nuovo GovernoQuanto durerà il nuovo governo Conte bis? L’obbiettivo è quello di arrivare quantomeno all’elezione del Presidente della Repubblica nel 2022, ma i dubbi sulla solidità della maggioranza restano.

Contrariamente a quanto si pensava fino a qualche settimana fa il governo Conte bis è realtà ed oggi giurerà per dare inizio all’esecutivo (ecco la lista dei ministri). Concluso  il periodo di forti dubbi e preoccupazioni sul futuro del Paese, diviso tra la possibilità di questo governo istituzionale (parlamentare o come lo si voglia chiamare) e quella di andare ad elezioni anticipate, adesso gli italiani si chiedono quanto possa durare questa alleanza. Fino a qualche settimana fa, infatti, il PD ed il Movimento 5 Stelle sono stati acerrimi nemici, i pentastellati hanno addirittura basato la propria campagna elettorale contro il PD e contro i governi di coalizione (non eletti dal popolo).

Le divergenze sono state forzatamente appianate per paura del voto: le elezioni avrebbero probabilmente consegnato una forte maggioranza alla Lega, ponendo il PD come principale forza d’opposizione e relegando il Movimento a rumorosa minoranza in parlamento. A spingere verso questa soluzione è stata anche la volontà del Quirinale di evitare ulteriori danni economici, e quella dei mercati europei e dell’Unione Europea di marginalizzare il ruolo della Lega nel governo italiano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quanto durerà il nuovo governo PD-M5S?

L’esigenza di scongiurare le elezioni anticipate, compiere un buon lavoro e riguadagnare consensi è uno sprone sufficiente a convincere i due partiti a cercare di far durare questa alleanza il più possibile. A questo si aggiunge una maggiore consapevolezza del M5S nella gestione del Paese e dei meccanismi di governo ed un piano programmatico più simile rispetto a quello condiviso prima con la Lega. L’ottimismo sulla durata del governo è legato anche al rapporto con l’UE: il governo europeo vede positivamente il rientro del PD nell’esecutivo, che combacia con un ministro dell’Economia (e quindi un indirizzo economico) più aderente ai dettami europei, e potrebbe agevolarlo sia sul piano economico che su quello della gestione dei migranti.

I dubbi sulla tenuta comunque non mancano, in primo luogo perché i due partiti hanno lottato per anni e c’è una rivalità che potrebbe emergere al primo segno di difficoltà. Inoltre sia all’interno del Movimento che del PD ci sono delle divisioni interne che potrebbero in qualsiasi momento scombinare la maggioranza. Non è da sottovalutare nemmeno il ruolo che assumerà la Lega nei prossimi mesi: Salvini attaccherà costantemente il nuovo governo e l’imminente Manovra di Bilancio, dalla quale si dovrà uscire con tagli sanguinosi o con l’aumento di tasse, potrebbe incrementare il suo consenso ed il malcontento degli italiani.

Quanto durerà dunque questo governo? Difficile dirlo, ma gli esperti di politica sono pronti a scommettere che la durata sia più lunga non solo di quella del precedente esecutivo, ma addirittura più lunga di quanto ci si aspetti. L’obbiettivo principale è quello di riuscire ad eleggere il nuovo Presidente della Repubblica, traguardo che se raggiunto significherebbe una durata sino al 2022.